Ambiente

Fridays for Future, la versione di Cattaneo: “Più che scioperare bisogna lavorare il doppio”

“Le manifestazioni sul clima che si sono tenute oggi a Milano e in tutte le città’ italiane invitano tutti noi a riflettere e impegnarci ancora di più’ per trovare soluzioni alle questioni legate al cambiamento climatico”.

E’ la tesi dell’assessore regionale all’Ambiente e Clima Raffaele Cattaneo, a proposito delle manifestazioni FridaysForFuture e a margine del World Manufactoring Forum.

Dopo i racconti comaschi di oggi:

1 – VIDEO Fridays for Future: Negretti seduta sullo scalone, tensione con gli ambientalisti. Poi Caldara media

2 -FOTO Fridays for Future fa il bis con il corteo serale: “Il Comune dichiari l’emergenza climatica”

Riportiamo il comunicato diffuso da Regione Lombardia con la posizione dell’assessore:

“Esiste un problema di cui tutti dobbiamo diventare più’ consapevoli, tuttavia – ha aggiunto – per trovare soluzioni è necessario mantenere un approccio realista e basarsi su evidenze scientifiche”.

“Da molto prima che Greta Thunberg ponesse il problema, Regione Lombardia ha iniziato a lavorare ad una propria strategia sia sull’adattamento sia sulla mitigazione dei cambiamenti climatici. La prima e’ stata approvata nel 2015, la seconda inserita nel Programma Energetico Ambientale Regionale (PEAR) approvato nel 2016. In tutti questi anni sono state attuate misure che hanno realmente contribuito alla riduzione delle emissioni clima-alteranti e al miglioramento della qualità’ dell’aria. Non e’ corretto dire che la politica e le istituzioni stanno rubando il futuro ai giovani, perché esistono moltissimi esempi di iniziative efficaci in tutto il mondo, tra cui anche quelle avviate da Regione Lombardia. E sono tutte soluzioni concrete, favorite da un’alleanza tra ambiente, imprese, istituzioni, tra economia, innovazioni tecnologiche ed ecologia, che in Lombardia stiamo cercando di sostenere”.

“Il 18 settembre scorso e’ stato firmato il Protocollo per lo sviluppo sostenibile con tutti gli enti, le associazioni industriali, le parti sociali, il mondo dell’università’ e quello ambientalista. E oggi, per coinvolgere tutti abbiamo avviato una consultazione pubblica per definire con i cittadini, gli stakeholder e le amministrazioni, un percorso comune di sviluppo sostenibile, che parte dai bisogni delle persone e dalle specificità’ del territorio lombardo, in vista degli obiettivi Onu 2030”.

“Queste sono le nostre risposte alle manifestazioni, soprattutto nei confronti dei decisori pubblici e privati e dei politici che hanno deciso di scendere in piazza: più’ che scioperare bisogna lavorare il doppio con azioni concrete che guardano all’ambiente e alla sostenibilità’ come nuovi nomi dello sviluppo”.

  1. “…da molto prima che Greta ponesse il problema, …..”.
    Bisogna essere stato una vita con la faccia tra le dune del “Celeste” per non aver visto l’opera di selvaggia cementificazione che ha caratterizzato gli ultimi trent’anni di politica in Lombardia e che ha visto protagoniste Lega e FI.
    A volte è molto meglio non parlare e cercare di passare inosservato che spingersi a cavalcare un’onda che non è tua.

  2. Matteo Aiani

    Nel 2016 Regione Lombardia ha approvato il Programma Regionale della Mobilità e dei Trasporti in cui viene delineato il quadro dello sviluppo futuro delle infrastrutture e dei servizi per la mobilità di persone e merci in Lombardia.
    Il programma approvato prevede : la realizzazione di nuove infrastrutture e il miglioramento della competitività del sistema aeroportuale. Nello stesso programma il valore complessivo degli investimenti è di circa 40 miliardi di euro così suddivisi : il 38% per il trasporto ferroviario, il 16 % per il TPL gomma e il 45% per il trasporto stradale. Sì, avete capito bene, ben 18 miliardi di euro destinati al trasporto su gomma.
    Nel programma approvato Regione Lombardia prevede: il completamento del Sistema Viabilistico Pedemontano Lombardo, la realizzazione del raccordo A4/A51 e il collegamento a est della A35, il completamento della Tangenziale Nord di Milano /Rho Monza…ecc…
    Nell’ultimo programma triennale delle opere pubbliche 2019/2021, Regione Lombardia ha inserito una lunga serie di interventi tra cui: la realizzazione di una nuova autostrada regionale di interconnessione tra il sistema viabilistico pedemontana con il raccordo autostradale diretto Brescia Milano, la realizzazione dell’autostrada regionale Mortara – Stroppiana, la realizzazione dell’autostrada regionale Varese Como Lecco ….ecc…
    E ancora avete il coraggio di parlare di sostenibilità ambientale?
    Dovete dire ai cittadini da che parte state : dalla parte del cemento o dalla parte dell’ambiente ?
    Non si può essere a favore di entrambe le cose, cemento e ambiente sono in antitesi.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata