Attualità

8 marzo. Donne, vite magnifiche: immagini e storie. Esce ComoZero settimanale

Stavolta è grossa, davvero. Oltre un mese di lavoro per un numero unico di ComoZero Settimanale, in distribuzione da stamani in tutta la città (qui dove potete trovarlo). Fato e sorte (o forse no?) hanno voluto che uscissimo l’otto marzo, oggi.

E’ successo che Stephanie Barone, era circa un mese e mezzo fa, è balzata dal monitor alla redazione. Sfoderato il solito occhio da puma siberiano, ha preso a zampate un rarissimo istante di silenzio e chiesto: “Eh ma l’otto marzo?”.

Già, giusto.  Poi però ci siamo guardati tutti, assonanti: “Ok, dai, ma niente wikicitazionismi, emancipazioni forzate, contestazioni e/o celebrazioni di pizzata, spogliarello e mimosa, niente aneddoti storici brutti e sbagliati o chiediamo-il-senso-del-femminino-sacro-alle-comasche-famose”.

COMOZERO SETTIMANALE E DOVE TROVARLO: ECCO LA MAPPA DEI TOTEM

E’ stato a quel punto che è apparso, quasi una piccola epifania, l’occhio nerocerchiato di Anna Magnani (ieri avrebbe compiuto 111 anni), le incisioni-graffio al viso che le fecero dire al truccatore tremante (con quella voce che era legno millenario): “Non togliermi neppure una ruga. Le ho pagate tutte care”.

Ne è nato un progetto monumentale (almeno per noi). Abbiamo scelto l’ordinario, il quotidiano, la normalità. Donne all’interno delle proprie vite, del lavoro, della malattia, della società, della maternità, delle età. Fotografie e piccolissime, essenziali, biografie.

Niente di quello che incontrerete sarebbe stato possibile senza lo sforzo grande e generoso (oltre allo splendido, prezioso, occhio) di Matteo Congregalli che ha scattato centinaia di foto, preso decine di appuntamenti e battuto la provincia per settimane. Le splendide intuizioni di Simona Di Domenico e Stephanie hanno fatto il resto. 26 immagini da guardare con calma.

Ph: Pozzoni

Chiuso lo specialone c’è il vostro più tradizionale Settimanale. La politica, con l’incredibile racconto dell’addio pubblico tra Simona Rossotti (assessore alla cultura dimissionario) e un gelido sindaco Landriscina, il giorno della presentazione della tappa comasca del Giro d’Italia.

E ancora il leader supremo di Forza Italia nel comasco, Alessandro Fermi (presidente del consiglio regionale), a tutto campo: dalle distanze col sindaco di Como (anche lui) e il caso dell’eretica Giola (tutto da leggere, l’aveste perso: qui).

Poi c’è la città con la profondissima crisi delle edicole e la spianata (no, per una volta non la Ticosa) di piazza Martinelli che vede un sogno di rilancio dell’inedito duo Locatelli-Galli, svelato da Chiara Taiana.

Di recente vi abbiamo raccontato i fasti (culturali) di Cernobbio-la-bella che sulle ceneri (sempre culturali) di Como ha fatto fortuna (leggere qui per credere). Ecco, non è tutta gioia, anche la perla del primo bacino lacustre nasconde del marcio, tra sofferenza e dolori profondi nelle case popolari dimenticate.

Poi, come sempre, troverete: sport, territorio, cultura e appuntamenti. Non manca ovviamente l’enigmistica.

Che dire? ComoZero è in distribuzione. Non sapete (ancora) recuperare una delle oltre diecimila copie gratuite? Nessun problema, cliccate qui sotto:

COMOZERO SETTIMANALE E DOVE TROVARLO: ECCO LA MAPPA DEI TOTEM

 

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata