Attualità

A tutto Tondo, la firma del Guardian a Como: “Migranti, i Decreti Salvini creano gli illegali”

“Como sta proprio dalla sponda opposta della crisi migratoria ma oggi il problema vero è quello dato dai Decreti Sicurezza (voluti dall’ex ministro dell’interno, Matteo Salvini, Ndr) che stanno portando e porteranno moltissime persone a vivere da illegali. Questi, senza alcun tipo di aiuto, saranno costretti a vivere in mezzo alla strada”.

Così Lorenzo Tondo, giornalista del quotidiano londinese The Guardian, commenta la situazione che a Como, come in molte città del nord Italia, vede numerosi migranti stranieri dormire e vivere all’addiaccio.

“Queste persone vengono escluse dai percorsi di accoglienza e rientrano in uno scenario che è già sotto gli occhi di tutti, ormai” continua Tondo, a Como in questi giorni per presentare il suo ultimo libro “Il Generale”, un’inchiesta sul caso giudiziario di Medhanie Berhe, falegname eritreo erroneamente accusato dalla Giustizia Italiana di essere trafficante di uomini.

Tondo ha seguito per molti anni lo svilupparsi della crisi migratoria internazionale che si è svolta nel Mediterraneo Centrale e nei Balcani per numerosi giornali angolsassoni, tra cui il Guardian, appunto, di cui è oggi corrispondente dalla Sicilia.

Esperto di migrazioni, Tondo ha anche fornito una lettura dei metodi di sorveglianza e respingimento adottati dalla Svizzera per rintracciare e rimandare in Italia i migranti decisi a raggiungere il Nord Europa.

“Il Guardian ha deciso di concentrarsi tanto sulla rotta Balcanica (la rotta migratoria che attraversa l’ex Jugoslavia, partendo dalla Bulgaria e arrivando alla Slovenia, fino alla frontiera Italiana Ndr). Leggevo qualche giorno fa dell’assessore del Friuli che voleva utilizzare delle fototrappole per dare la caccia ai migranti – racconta il giornalista – di caccia si parla perchè le queste vengono usate per localizzare gli animali. In realtà la Svizzera lo fa da tempo con i droni”.

I respingimenti indiscriminati, spiega Tondo, tanto in Svizzera quanto sulla rotta Balcanica:”Non permettono di differenziare tra migranti economici, rifugiati e richiedenti asilo come si fa nel resto dei casi. Questi sono i migranti che vogliamo individuare, a cui vogliamo dare la caccia pur arrivando dalla Siria, dall’Iraq e dall’Afghanistan”.

Lorenzo Tondo presenterà il suo ultimo libro, “Il Generale” (edizioni La Nave di Teseo), domani, mercoledì 29 gennaio, alla Ubik di Como alle 18.00 con una replica alla biblioteca comunale di Lenno, alle 21.00. Entrambi gli eventi saranno moderati da Andrea Quadroni, giornalista del quotidiano La Provincia di Como.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata