Attualità

Abbuffata di alcol, la canna del tossico, la canna del non tossico. Il don Roberto pensiero

Ogni tanto leggiamo e pubblichiamo i pensieri di Don Roberto da Grandate. Parroco che, piaccia o meno, si differenzia per ritmo e tempo delle riflessioni.

Certo non manca di forza (ancora: piaccia o non piaccia) quando lancia sul tavolo quei micro-editoriali postati sul sito della parrocchia.

Sarà poco natalizio ma il ragionamento affidato a papà Web, lo scorso 16 dicembre, impone pausa.

Non che don Pandolfi abbia necessariamente ragione, davvero. Ma come don Giusto da Rebbio, quantomeno, invita sempre al confronto.

Ph: Matteo Congregalli

Ecco quanto ha pubblicato:

La cooperativa “Lotta all’emarginazione” ha condotto un’indagine sui giovani comaschi riguardo all’abuso di alcol e droga. Sono stati contattati 934 giovani (204 minorenni) fuori da pub e discoteche e a scuola. I dati sono stati presentati alla Commissione comunale per la sicurezza del Comune di Como e sono relativi al 2017.

Secondo i referenti dell’indagine i dati attuali sono sostanzialmente gli stessi, salvo un significativo aumento del “big drinking” (cioè l’abbuffata alcolica, che fa bere almeno sei bicchieri di bevande alcoliche in una sola sera ed è, spesso, la causa del coma etilico).

E vediamoli, questi dati. Il 65% dei giovani contattati fa uso allarmante di birra e superalcolici, il 69,6% fa uso costante di cannabis, il 15,7% di ecstasy, il 14% di cocaina, l’11% di allucinogeni, l’8,5% di ketamina e il 5,9% di oppiacei. Ovviamente mischiare le sostanze è la regola.

Che dire? Da educatore sono seriamente preoccupato. Anche perchè l’ uso di alcol e droghe non avviene solo il sabato sera nei locali, ma in qualsiasi occasione di festicciola privata e anche in beata solitudine. E sarà anche vero che non tutti quelli che si fanno una canna diventano tossicodipendenti, ma è altrettanto vero che tutti i tossicodipendenti hanno iniziato con le canne.

E tuttavia non ci si può fermare al fenomeno. Bisognerebbe riuscire ad indagarne le cause, bisognerebbe scoprire l’origine del disagio esistenziale che porta un ragazzino o una ragazzina di 14 anni (anche se molti iniziano prima) a stordirsi con l’alcol e la droga. Senza distribuire colpe, ma impegnandosi tutti, ognuno con il proprio ruolo, a costruire una società dove anche i più deboli (perchè resto convinto che chi ha bisogno di alcol e droghe varie, per divertirsi prima e per sopravvivere poi, sia una persona estremamente fragile e debole) possano trovare un posto adeguato nel rispetto da parte di tutti, senza il bisogno di dover dimostrare una falsa forza.

L’ascolto e il dialogo restano fondamentali, accompagnati però da regole certe e da fermezza, da parte di tutti, nel farle rispettare. Un mondo senza regole, dove il bene e il male non si distinguono più, è l’ambiente ideale per il diffondersi della confusione, di cui pochi approfittano e molti sono vittime.

Forse dovremmo recuperare tutti una ” passione educativa”, che passione per la persona, per il suo sviluppo armonico, per la sua felicità. Genitori, insegnanti, educatori: appassionati! Desiderosi che gli altri abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza!

don Roberto

  1. Bravo, don Roberto!
    Serve l’aiuto di genitori, educatori ed insegnanti.
    La droga è veleno.
    Altro che è solo un’innocente canna!
    Purtroppo la discoteca è sempre stata un luogo dove sballarsi..
    Personalmente però fuorché il drink dell’entrata, non ho mai pensato né a altro alcol né tantomeno ad altri veleni.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata