Attualità

Accordo Caritas-Locatelli: ecco la casa per minori e mamme in via Giussani

L’11 marzo scorso il vicesindaco Alessandra Locatelli insieme al dirigente dei Servizi sociali Giuseppe Ragadali ha incontrato i rappresentanti della Caritas per il quarto incontro di perfezionamento e valutazione del progetto per la creazione di una casa-multiservizio a Rebbio, in via Giussani.

Fin dal primo incontro Caritas ha esposto un progetto mirato ai minori con l’intenzione di collaborare con i Servizi sociali, andando incontro alle esigenze del territorio e ai bisogni rilevati dalle assistenti sociali che se ne occupano.

“Ringraziamo Caritas per la fattiva collaborazione e per aver presentato un progetto flessibile e indirizzato a servizi necessari – commenta Alessandra Locatelli – che sul nostro territorio intendiamo potenziare e sostenere. La presenza di una struttura per l’accoglienza di bambini da 0 a 6 anni e mamme con bambino risponde precisamente ad alcune delle nostre priorità. Negli ultimi anni ci siamo trovati a fronteggiare situazioni di emergenza che hanno obbligato i servizi Sociali a sacrifici economici e di trasferimento rispetto alle risorse economiche e umane a disposizione. Ci auguriamo che questo è altri progetti possano essere un buon punto di incontro e collaborazione reciproca”.

La struttura sarà composta da tre piani e da un seminterrato, e ospiterà i seguenti servizi:

– Comunità per minori di età compresa tra 0 e 6 anni
– Comunità di mamme con bambino
– Accoglienza di pronto intervento per minori che il comune deve alloggiare in via urgente
– Appartamenti per l’avvicinamento all’autonomia

  1. Stefano Sosio

    Grazie. Mi permetto solo di segnalare che una descrizione più estesa del progetto (e dei partner che l’hanno elaborato, qui non citati) è consultabile sul sito del settimanale della diocesi online.

  2. ROBERTA

    La Caritas cristianamente vuole perdonare per come è stata trattata in passato dall’assessore in questione ( vedi gestione del campo migranti in via Regina) . Speriamo che il diavolo si converta a contatto con l’acqua santa…

    • Sono convinto che il Paradiso sia migliore per il clima ma all’Inferno è più divertente la compagnia. Speriamo nel miracolo, non vorrei ritrovarmi in sua compagnia…

  3. ROBERTA

    Caro Gioele, “compagnia più divertente”? Magari Hitler, Stalin, Pol Pot.. lì dovrebbero stare, e io eviterei volentieri di fare la loro conoscenza!
    ps Chiedo scusa alla Caritas per aver involontariamente banalizzato con queste battute un’iniziativa sicuramente seria e meritoria ( non fateci caso, e grazie per il vostro impegno).

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata