Attualità

Acli, Azione Cattolica e Caritas Como: “Ribellarsi alla deriva di paura e mediocrità”

Al termine del Te Deum del 31 dicembre e del Pontificale del 1 gennaio è stato distribuito ai fedeli del Duomo di Como il testo del messaggio di Papa Francesco per la 53° Giornata Mondiale della Pace dal titoloGiornata Mondiale della Pace dal titolo “La pace come cammino di speranza: dialogo, riconciliazione e conversione ecologica”. Ma a questo gesto, Azione Cattolica, Acli e Caritas di Como ne hanno aggiunto un secondo. Ovvero la distribuzione di una ulteriore nota congiunta che ha un assunto: “La pace nel mondo si poggia sulla pace nel territorio”.

La nota – che si chiude con la proposta di un incontro il 22 febbraio per riprendere i temi affrontati e offrire un contributo alla costruzione del bene comune – ha toni decisi. E un messaggio anche di ribellione, almeno in senso morale e spirituale, rispetto alla “deriva dell’egoismo, del perbenismo, della paura, della mediocrità”; e si invita anche al “superamento di polemiche, incomprensioni e linguaggi aspri nelle realtà istituzionali, politiche”.

Alleghiamo la nota di Azione Cattolica, Acli e Caritas Como integralmente qui di seguito.

Un messaggio che coinvolge ognuno di noi

Il messaggio di papa Francesco per la Giornata mondiale della pace che si celebra il 1° gennaio 2020 è rivolto a tutti gli uomini e a tutte le donne di buona volontà che vivono e pensano oggi nel mondo. E’ un messaggio universale e proprio per questo si rivolge anche al nostro territorio, a tutti coloro che lo abitano.
Nel testo possiamo cogliere cinque piste di riflessione:

1 – La Pace cammino di speranza di fronte agli ostacoli e alle prove
2 – La Pace cammino di ascolto basato sulla memoria, sulla solidarietà
3 – La Pace cammino di riconciliazione nella comunione fraterna
4 – La Pace cammino di conversione
5 – La Pace si ottiene quando si spera

Le questioni che il Papa pone in primo piano, richiamano molte fragilità, non solo materiali, presenti anche nella nostra realtà locale e invitano a cercare risposte condivise ed efficaci.

Ecco perché ci permettiamo di proporre tre percorsi che alla luce delle parole di papa Francesco possono essere oggetto di confronto e di discernimento nel segno della giustizia, della pace, del bene comune nel nostro territorio.

– Superamento di polemiche, incomprensioni e linguaggi aspri nelle realtà istituzionali, politiche, sociali avendo consapevolezza che il raggiungimento del bene comune esige un supplemento di pensiero, di rispetto reciproco, di amore per la democrazia, di una lungimirante visione del futuro grazie anche al magistero della memoria.

– Promozione di una cultura che non si rinchiuda nel privato con la preoccupazione di tutelare solo interessi e diritti individuali o di ristretti gruppi ma si apra con respiro umano alla tutela e alla difesa dei diritti e degli interessi di tutti senza discriminazione alcuna.

– Condivisione delle domande di senso che vengono dalle nuove generazioni, in particolare quelle che si riferiscono al lavoro, alla famiglia, alla salvaguardia del Creato. Come adulti lasciarsi interrogare e provocare dai giovani per costruire con loro un cammino di giustizia e di pace.

Crediamo che per rispondere con efficacia a queste “tracce verso il futuro” occorre compiere un salto culturale che rimetta al primo posto la fiducia nell’altro, la ricerca costante del dialogo e dell’ascolto. Occorre un salto culturale che sia un gesto di ribellione alla deriva dell’egoismo, del perbenismo, della paura, della mediocrità. Occorre un salto culturale che sia un atto di amore per ogni essere umano e in particolare per le generazioni che salgono. Un salto culturale, che sia un atto di amore alla “nostra casa comune”: il Creato.

Una proposta

Per quanti volessero condividere riflessioni e proposte dopo la lettura del messaggio del Papa per la 53a Giornata mondiale della Pace proponiamo un incontro sabato 22 febbraio 2020 dalle ore 17 alle ore 19 al Centro socio-pastorale Card. Ferrari – viale Cesare Battisti 8

Acli, Azione cattolica, Caritas Como

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata