Attualità

Asilo Sant’Elia, 30 gradi all’interno. Ira funesta (con mailbombing) di Terragni: “Bella intervenga subito”

“Spett. Assessore Bella il ripristino delle tende Sant’Elia è un dovere civico e un diritto per i bambini che la frequentano”. Firmato Giuseppe Terragni. Lui, il progettista dell’Asilo Sant’Elia.

Dietro il profilo Facebook su cui oggi è comparso questo appello c’è, naturalmente, il suo attivissimo pronipote Attilio Terragni che invita gli amici ad un vero e proprio mailbombing nei confronti dell’assessore ai Lavori Pubblici. Perché?

Ph: Congregalli

Pochi giorni fa, Terragni aveva denunciato una situazione insostenibile per bambini e insegnanti: a fine marzo, durante i lavori di campionatura colori svolti dal Politecnico, all’interno dell’asilo era stata rilevata una temperatura già superiore ai 30 gradi a causa della rottura del meccanismo che permette alle tende di abbassarsi. E ora ha davvero perso la pazienza.

“È da novembre che aspettiamo (come Fondazione Terragni) una risposta in merito a questo problema. Esiste lo studio, ci sono i soldi (15 mila euro). Si tratta solo di far eseguire i lavori – spiega arrabbiatissimo – Le maestre fanno il possibile attaccando ai vetri i disegni, ma questa situazione deve essere risolta. Se non vogliono farlo per il monumento, lo facciano almeno per i bambini”.

Da qui la decisione di scrivere questo appello.
“Adesso ho davvero perso la pazienza. Proviamo usando maniere forti come questa e vediamo se funzionano”.

E la convenzione sottoscritta con il Comune per collaborare alla tutela degli edifici progettati da Terragni?
“Scriviamo mail da due anni chiedendo che venga attuata. Stiamo portando avanti una ricerca con il Politecnico per definire le linee guida di futuri interventi e l’anno scorso avevamo riportato al suo splendore l’interno dell’Asilo in occasione dell’apertura estiva. A oggi lì è tornato tutto come prima – continua – E la cosa che fa più rabbia è che continuano a darci rassicurazioni verbali ma intanto non si muove niente, neanche si ricordano di aver già fatto rilievi o sopralluoghi”.

 

  1. E’ la burocrazia, bellezza…

  2. Rumi

    Adesso è ora di finirla! esistono leggi che impongono un microclima adeguato negli ambienti di lavoro d.lgs 81/08! Cosa aspetta la ATS settore prevenzione sui luoghi di lavoro a fare una ispezione e sanzionare il comune per inadempienza!
    Nelle ditte sono i primi a intervenire e sanzionare nei luoghi delle pubbliche amministrazioni non intervengono!
    I genitori e i dipendenti devono fare un esposto alla ATS via Castelnuovo e imporre un sopralluogo poi vediamo se non tirano fuori i soldi per le manutenzioni!
    Ricordo al sig. SIndaco che il d.lgs 81/08 è penale quindi si dia una mossa!

Rispondi a Rumi Annulla risposta

la tua mail non sarà pubblicata