Attualità

Cannabis, crociata Locatelli-Salvini: “Chiudere i negozi, incentivano dipendenza e spaccio”

A lanciare il sasso, a dire il vero, è stato il “capo”. Oggi, infatti, il ministro dell’Interno Matteo Salvini, dopo un incontro con le le comunità terapeutiche operanti del settore delle tossicodipendenze, ha annunciato che da domani darà indicazione “a tutti i responsabili della pubblica sicurezza delle forze dell’ordine di andare a controllare uno per uno, con l’obiettivo di chiuderli tutti, i presunti negozi turistici di cannabis, che per quanto mi riguarda vanno sigillati perché sono un incentivo all’uso e allo spaccio di sostanze stupefacenti. Ce ne sono più di mille al di fuori di ogni regola e di ogni controllo”.

E proprio mentre a Como spunta (Enjoint, in via Fontana, qui più info) un distributore automatico di prodotti a base di canapa (con Thc ovviamente legale e vendita previo inserimento della tessera sanitaria), anche il vicesindaco Alessandra Locatelli sposa la crociata del leader.

“Grazie alla importante presa di posizione del Ministro Matteo Salvini – dice Locatelli, riferendosi però agli oppiacei – Dobbiamo tutelare i giovani e le persone più fragili, ma anche tutte quelle persone che potrebbero intraprendere la strada della dipendenza proprio avvicinandosi facilmente all’uso degli oppiacei. Questi negozi sono il frutto di politiche di tolleranza e liberalizzazione che non ci appartengono e che non portano a nulla di buono, mettono solo a rischio la salute di tutti”.

“Imbarazzanti i commenti di chi nasconde l’evidenza e di chi non si rende conto dei danni che, queste politiche di liberalizzazione progressiva della cannabis possono avere – conclude il vicesindaco di Como – In un’epoca storica in cui ci troviamo a riportare un po’ di ordine, e di rispetto delle regole, non possiamo arrivare a non pensare ai rischi ai quali andiamo incontro come società se non riconosciamo la tossicità e gli effetti che gli oppiacei possono avere”.

  1. limpidex

    Oppiacei? E che vendono?eroina light? Ma è possibile permettersi di parlare di spaccio e dipendenza e dire castronerie del genere? Mamma mia , che figura..

  2. Oppiacei?!? “Strada della “dipendenza della cannabis a uso terapeutico”?!? Si spaccia nei giardini pubblici perché gli esercizi autorizzati a vendere la cannabis “legale” hanno finito le scorte o perché quello che serve per “sballare” non si compra legalmente?
    Se si togliesse la vendita della cannabis dagli esercizi autorizzati, gli spacciatori di droga sarebbero più contenti o meno contenti?
    Il nostro ViceSindaco è troppo simpatica. Con i suoi commenti agli slogan elettorali del suo capitano, riesce nell’impresa quasi impossibile di renderli ancora più ridicoli.

  3. Gigi P

    Mamma mia, quanta ignoranza. Che prendessero spunto, invece, dalla California, così magari finalmente riescono ad abbassare il debito pubblico.

  4. giorgio

    Ovviamente non sa di cosa parla.

    Ma l’ordine è chiaro “per evitare i problemi recenti a livello nazionale (vedi dimissioni Siri) bisogna sparare un argomento nuovo”.. ed ecco i risultati.

  5. Sparata da campagna elettorale! il vecchietto ignorante che non sa nulla di cannabis ci abbocca alla grande…

    • Gigi P

      Vero. Ma per contro perderanno i voti di tutti coloro che fanno uso di queste sostanze (che di stupefacente non hanno nulla, essendo legali) nonché di tutti coloro che ci lavorano; e non sono di certo pochi, visti i fatturati.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata