Attualità

Centro, l’assedio dei furgoni. Il sogno di Patrizia: “Como sia come Sanremo, così si fa”

L’assedio costante al quale la città murata è sottoposta ogni mattina non è una novità.

Della masnada di furgoni e camion per le consegne che solcano le vie del centro storico abbiamo parlato frequentemente, intervistando i comaschi che devono convivere con il via vai di mezzi.

E parlando con Patrizia Rossotto, esponente di Legambiente autrice di un dossier di studio sul fenomeno e decisa sostenitrice di regole più stringenti per la Ztl.

E a rinvigorire il dibattito, agli sgoccioli di agosto, è proprio Signorotto che sul proprio profilo Facebook ha postato una foto del centro di Sanremo, via Matteotti, dove è in vacanza.

La città della Riviera di Ponente offrirebbe, infatti, spunti sulla corretta gestione di centro città pedonale.

La foto porta un tag a Claudio Casartelli, presidente di Confesercenti Como, con una quantomeno tagliente didascalia:

La normalità fuori da Como: area pedonale contornata da ZTL laterali, piena di negozi, tavolini, attività, .. così si organizza un centro città degno di tale nome.

Altrettanto tagliente, e laconica, la risposta di Casartelli:

Quando ci sono i parcheggi…

“Questa è Sanremo via Matteotti e limitrofe, piene di negozi senza né auto né moto. Ma potrebbe essere Belluno, Verona, Bergamo, Mantova, Ferrara, Parma, Modena tanto per stare su capoluoghi di medie dimensioni – ha spiegato Signorotto contattata da ComoZero, fornendo numerosi esempi di amministrazioni che hanno scelto di istituire delle zone a traffico limitato di una certa estensione e a cui Como potrebbe ispirarsi – Tutte le città belle e turistiche sono così”.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata