Attualità

Auto, Furgoni e Monti. Anche nell’eden di Cernobbio si litiga (molto) per i parcheggi

Negli ultimi giorni Cernobbio è un’ arena di scontro politico. Il terreno? Il rinnovo del piano parcheggi.

In un angolo, l’amministrazione del sindaco in carica Matteo Monti, fautrice di una ristrutturazione del sistema posti auto. Nell’altro i consiglieri della lista Con noi per Cernobbio, formazione del sindaco uscente alle scorse elezioni, Paolo Furgoni.Nel contesto di una polemica sollevata sul gruppo Facebook “Sei di Cernobbio se…” riguardo al ridisegnamento dei posti auto da parte del Comune (secondo gli utenti più critici un’operazione che non tiene conto dell’equilibrio necessario tra “strisce blu” a pagamento e parcheggi gratuiti o per i residenti), nelle scorse ore, sul social, è apparso un comunicato stampa targato Con noi per Cernobbio e datato 18 Febbraio 2019.

Nella nota (qui editata per brevità) si legge:

Le recenti modifiche ai parcheggi nella zona tra via cinque giornate e via Matteotti, decise dal Sindaco, aumentano le strisce blu a pagamento e diminuiscono i parcheggi liberi.

Questo, è stato detto, è possibile grazie ai nuovi parcheggi da realizzarsi […]  Il Sindaco ha deciso di fame a meno scegliendo di sua iniziativa, modificando e togliendo parcheggi prima di metterne a disposizione di nuovi.

Il cambio di destinazione del parcheggi andrebbe fatto dopo aver acquisito quelli nuovi e non prima. […] Questo ci preoccupa! E’ giusto, per ogni amministrazione, operare delle scelte ma queste devono essere coerenti con i bisogni, con le situazioni, avendo ben presente una visione strategica dei problemi che francamente, al momento, sfugge ai più.

In altre parole, il comunicato accusa la giunta Monti di star sottraendo spazio ai residenti, convertendo spazi a strisce bianche e gialle in posteggi a pagamento senza compensarne il numero con altre soluzioni di sosta accessibili a chi vive Cernobbio tutti i giorni.

Interpellato, Matteo Monti ha risposto al comunicato dell’opposizione, sottolineando come lo stesso non sia mai stato trasmesso ufficialmente al Comune di Cernobbio.

“Le modifiche dei parcheggi dipendono da una delibera di giunta del novembre scorso. Non si tratta di un’iniziativa personale – ha detto il primo cittadino, ribadendo come il piano sia un’iniziativa partecipata – stiamo rivedendo la situazione dei parcheggi insieme ai consiglieri comunali. Abbiamo rivisto le tariffe e stiamo valutando le concessioni a terzi. È una procedura condivisa da tutto il territorio che terminerà entro fine marzo”.

Cernobbio Ph© Carlo Pozzoni FotoEditore

Entrando nello specifico dell’equilibrio tra posteggi a pagamento e parcheggi gratuiti o per residenti, Monti ha fornito alcuni dettagli della revisione del piano, specialmente nelle vie menzionate nel comunicato di Con noi per Cernobbio.

“Otto posti blu sono diventati per i residenti in via Ponte Nuovo. In via Cinque Giornate tre parcheggi in precedenza a disco orario sono diventati a pagamento. In via Matteotti ci sono alcuni parcheggi che sono ora a pagamento ma stiamo lavorando con alcuni amministratori di condominio per mettere in funzione almeno altri dodici posti auto. In via Finzi, adesso ci sono dieci parcheggi a strisce bianche”.

Monti ha poi concluso invitando i colleghi consiglieri e gli autori del comunicato a “fare proposte concrete nelle sedi più adatte”.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata