Attualità

Cfp di Monte Olimpino. Guardateli: questi giovani conquisteranno il mondo

Quando si varca la soglia del Cfp, (Centro Formazione Professionale di Monte Olimpino), si viene immediatamente investiti dagli sguardi speranzosi dei tanti studenti che ospita.
Sorridenti, concentrati, animano la scuola e ammiccano al futuro mantenendo i piedi saldi a terra.

Centro Formazione Professionale di Monte Olimpino studenti in pasticceria ph: Carlo Pozzoni

“Ho sempre amato cucinare – svela Laura Scuderi, 17 enne di Cantù, studentessa al 4° anno di Cucina, con uno sguardo maturo insolito per la sua età – soprattutto con mia nonna che mi ha dato piena libertà espressiva. Vorrei lavorare con i migliori chef della cucina gourmet. Spero di raggiungere presto l’indipendenza economica”.

Centro Formazione Professionale di Monte Olimpino Alessia Rizzuto, Elena Facciuto e Elena Tettamanti studenti in acconciatura ph: Carlo Pozzoni

L’ingresso nel mondo del lavoro non spaventa. “Non vedo l’ora – sottolinea trafficando tra le pentole – vorrei fare esperienza all’estero, sono affascinata dalla cucina della Francia dove presto farò uno stage”.
Laura scompare dietro i fornelli e dal corridoio spuntano due studenti in tenuta elegante.

Centro Formazione Professionale di Monte Olimpino Giorgia Tortorici e Daniele D’Amico Giando studenti in sala e bar ph: Carlo Pozzoni

“Adoro stare in mezzo alla gente”, dice Giorgia Tortorici, 17 anni di Maslianico, studentessa al 4° anno di tecnico dei Servizi Sala e Bar. “E’ un lavoro che richiede organizzazione e gestione della fatica, doti che ho – ammette sorridendo – sogno l’estero per confrontarmi con un mondo nuovo, presto farò uno stage in Spagna, non vedo l’ora!”.
La gioia di Giorgia è contagiosa.

Centro Formazione Professionale di Monte Olimpino studenti alle serre ph: Carlo Pozzoni

“Molti miei parenti lavoravano nei locali e da piccolo mi sono ripromesso che lo avrei fatto anche io”, spiega Daniele Di Amico Giando, 17enne di Olgiate Comasco, compagno di classe di Giorgia.

“All’inizio non è stato semplice, soprattutto nel servizio in sala. Ma ho la mia filosofia: mi butto, sbaglio e imparo – aggiunge– è stato così anche quando ho fatto lo stage a Londra e faticavo a comprendere la lingua. Vorrei viaggiare e lavorare sulle navi da crociera”.
Svoltando l’angolo, si viene catturati dall’inconfondibile profumo di dolci.

Centro Formazione Professionale di Monte Olimpino Laura Stamerra studente in pasticceria ph: Carlo Pozzoni

“L’arte mi appassiona da sempre e ho pensato di mettere la mia creatività al servizio dei dolci”, svela Laura Stamerra, 16enne di Saronno al 3° anno di Panificazione e pasticceria. “Sono attratta dall’impiattamento perché l’inventiva non mi manca – ride – e farò uno stage in Francia. Sogno in grande, sogno un ristorante di alto livello. Voglio crederci, voglio farcela!”.


Quasi tutti gli studenti sognano l’estero, per mettersi in gioco in un contesto lontano dal loro quotidiano.

“Sono ambiziosa e determinata – dice Andrea Anzalone, studentessa 16enne di San Fermo della Battaglia, al 3°anno di Estetica – vorrei offrire professionalità e sottolineare la figura, spesso sottovalutata, dell’estetista. Andrò in stage in Spagna ma la mia ambizione rimane l’Inghilterra, una terra magnifica e innovativa. Vivere lontana da casa mi renderà più responsabile”. Al fianco di Andrea c’è Alessandra, italiana di origini cinesi, entrambe in divise impeccabili.
“Voglio diventare truccatrice, sono attratta dai giochi di colore caldi e freddi – spiega Alessandra Liu, 17enne di Casnate con Bernate, compagna di classe di Andrea – mi piacerebbe approfondire il make-up rivolto alle donne orientali. Anche io vorrei fare esperienza all’estero, mi hanno parlato molto bene della Germania ma nel cassetto ho il sogno americano”.


Nel salone dove si svolgono i corsi di acconciatura del 3° anno appaiono decine di teste di bambole.
“Da piccola pettinavo le amiche – racconta Alessia Rizzuto, 17enne di Lurate Caccivio – oggi sono qui. Spero di aprire diversi negozi in Italia, ma prima vorrei volare a Londra per migliorare la lingua e apprendere nuove tecniche”.
I sorrisi delle studentesse illuminano la sala. “La fatica non mi spaventa – sottolinea Elena Facciuto, 16enne comasca – vorrei rendere belle le persone, per questo sono qui. L’estero mi affascina ma forse non sono pronta a lasciare la famiglia”.
Gioia, speranza, voglia di estero e consapevolezza. “Vorrei lavorare a Londra per un po’ – conclude Elena Tettamanti, 16enne di Parè – la patria delle nuove tendenze. L’approccio al cliente non è semplice e io sono timida. Ho tanto da imparare e non vedo l’ora!”.

GALLERY-SFOGLIA

LA DIRETTRICE, ANTONELLA COLOMBO: “CON NOI SI CRESCE ANCHE COME PERSONE”

Antonella Colombo direttore del Centro Formazione Professionale di Monte Olimpino ph: Carlo Pozzoni“Il nostro principale obiettivo è dare possibilità lavorative e di crescita personale ai nostri ragazzi. Dar loro gli strumenti per poter innovare il proprio settore”.  Questo lo spirito del Cfp di Como, nelle parole chiare del direttore Antonella Colombo.
Dal 1972 Cfp. si occupa della formazione di giovani nel settore ristorativo – alberghiero e nel settore benessere e ha favorito, negli anni, l’ingresso nel mondo del lavoro di oltre 4.500 professionisti della provincia di Como.
La metodologia punta sulle competenze professionali: ogni conoscenza tecnica ha un’applicazione concreta nel mondo del lavoro.
Ogni classe ha un tutor dedicato, impegnato a supportare gli allievi, e a partire dalla seconda annualità gli allievi vivono esperienze di tirocinio formativo presso aziende del settore selezionate. Nel 2016 il Cfp ha ottenuto la “Carta della mobilità europea” che consente, attraverso il programma Erasmus Plus, di realizzare tirocini di formazione in Europa per allievi, docenti e neodiplomati.

L’articolo che avete appena letto è stato pubblicato su ComoZero settimanale, in distribuzione ogni venerdì e sabato in tutta la città: qui la mappa dei totem.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata