Attualità

Cinema Gloria, raccolta fondi al via: 750mila euro. Nessi e Gatti garanti, sogno Clooney

Enzo D’Antuono, presidente di Arci Como, ha dichiarato di voler effettuare un acquisto collettivo del cinema Gloria mettendo fine al rischio di chiusura.
Il contratto d’affitto scadrà a maggio 2020 e il proprietario ha aperto le porte alla vendita.

“Dopo lunga fase di indagine sul progetto d’acquisto, oggi possiamo dire di essere in grado di farlo – dice D’antuono – abbiamo avuto un grande riscontro dai soci e dai frequentatori del cinema”.

La campagna di raccolta fondi Manchi tu nell’aria partirà venerdì 1 marzo.

“Vogliamo un momento di alta condivisione – continua – chiariremo i dettagli del progetto, che è un’azione collettiva guidata da noi. Una serata speciale con tanta musica e artisti. Abbiamo ricevuto tanta solidarietà anche da personaggi famosi”.

Manchi tu nell’aria ha una lunga lista di artisti solidali: Zerocalcare che ha disegnato la locandina, Marco Bellocchio, Terzo segreto di satira, Giuseppe Palumbo, Enrico Gabrielli eEmidio Clementi, Davide Toffolo, Mario Martone e tanti altri volti noti dello spettacolo.

 

La campagna si snoderà in un arco di tempo di circa 15 mesi e si concluderà, appunto, entro maggio 2020. D’Antuono spera nella solidarietà di un artista d’eccezione.

“Ci piacerebbe scrivere a George Clooney –spiega D’Antuono – sperando si interessi al nostro caso”.

Il preventivo d’acquisto dello stabile è di 750mila euro, compresi anche la manutenzione straordinaria e le spese di gestione ripartiti in un mutuo ventennale di 250.000 euro, un fondo di prestito sociale di 130.000 euro e una raccolta fondi di 350.000.
La copertura del mutuo ventennale avverrà utilizzando le plusvalenze derivanti dalla cessazione del canone d’affitto che ammontano a 30.000 euro annui. La cifra restante andrà a copertura delle spese Imu attualmente a carico del proprietario.
Per il fondo di prestito sociale, invece, le somme versate saranno vincolate per dieci anni ed è prevista una restituzione annuale non superiore al 10% della somma versata.

E il Comune?
“Abbiamo chiesto un incontro al sindaco Mario Landriscina –sottolinea – non ci aspettiamo un sostegno economico ma speriamo in un patrocinio alla campagna”.

La raccolta fondi prevede una piattaforma di crowfunding e un conto corrente dedicato. La quota base sarà di 100 euro; è previsto un riconoscimento, con un attestato per certificare la partecipazione all’acquisto del cinema e una volta raggiunto l’obiettivo finale verrà fatta una targa con tutti i nomi.

“Ogni quota sarà tutelata –conclude D’Antuono – i soldi saranno utilizzati solo a obiettivo raggiunto. A garantire il conto corrente ci saranno Walter Gatti e Luigino Nessi: due uomini di grande onestà e trasparenza”.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata