Attualità

Como: l’azienda ha già vinto un altro lotto, salta l’appalto per adeguare nidi e materne

Niente da fare: il Comune di Como, che pur sta indirizzando molte risorse tecniche ed economiche sul versante dell’edilizia scolastica, si deve arrendere di fronte a un altro bando di gara non aggiudicato.

In questo caso, nell’ambito di un appalto integrato suddiviso su più lotti, il mercato era stato sondato per affidare l’incarico di progettazione definitiva ed esecutiva (in un’unica fase), il coordinamento della Sicurezza, la Direzione Lavori più altri adempimenti burocratici per adeguare alle norme igienico-sanitarie le scuole dell’infanzia e asili nido.

Il bando di gara era stato pubblicato da Palazzo Cernezzi il 14 agosto scorso ma alla fine a spuntarla era stata una società di Caserta che però si era già aggiudicata un altro lotto dell’appalto complessivo. Concomitanza che, per legge, non può verificarsi.

E dunque, visto che non c’era altre offerte da valutare sul lotto relativo a materne e asili nido, almeno per ora niente adeguamenti alle norme igienico-sanitarie dove servono.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata