Attualità

Coronavirus – I sindacati al Prefetto: “Aperte troppe attività, è vitale tutelare la salute. La preghiamo di vigilare”

Un appello accorato dai sindacati comaschi al Prefetto, Ignazio Coccia.

Come noto Cgil, Cisl e Uil hanno fortemente contestato il decreto del premier, Giuseppe Conte, detto “Chiudi-Italia”. Secondo i rappresentanti dei lavoratori, infatti, le maglie sarebbero troppo larghe.

Coronavirus – Conte firma il decreto: ecco le attività che restano aperte (scarica il documento) 

I qui la lettera inviata in via Volta, dove si chiede di vigilare sulle attività che comunicheranno l’apertura e di essere messi a conoscenza di quali siano “per fornire un contributo”.

Ecco la missiva integrale:

Sua Eccellenza,
le scriventi OO.SS con la presente sono a sottoporLe una questione di vitale importanza per la salvaguardia della tutela, salute e sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro a seguito dell’entrata in vigore delle disposizioni del DPCM del 22 marzo 2020.

CGIL-CISL-UIL Nazionali hanno manifestato al Presidente del Consiglio il loro dissenso rispetto all’elenco dei settori e delle attività da considerare essenziali, previste nell’allegato 1 del DPCM testé citato, ritendo che sono state individuate attività produttive di “ogni genere” e che nulla hanno a che fare con i servizi di pubblica utilità o di interesse strategico del Paese, con il rischio di attenuare le misure di contenimento del contagio da Coronavirus.

Inoltre, il DPCM dispone la sospensione delle attività produttive industriali e commerciali, ma nello stesso tempo è data la possibilità alle aziende di chiedere la continuità del ciclo di produzione qualora lo stesso è ritenuto funzionale ai servizi di pubblica utilità e dei servizi essenziali, previa comunicazione a Sua Eccellenza il Prefetto, al quale compete la facoltà di non autorizzazione ove ritenga che non sussistano le condizioni previste dal DPCM.

Un ulteriore ampliamento di aziende alle quali è concesso di continuare la produzione, oltre a determinare, come summenzionato, un’attenuazione delle misure di contenimento del contagio da Coronavirus per effetto di una maggiore circolazione di persone e rendere vani i sacrifici fin qui fatti da tutti i cittadini, rischia anche di incrementare la paura e lo stress dei lavoratori e di non poter mettere in atto le misure di prevenzione e sanificazione previste dal protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto, contenimento e diffusione del coronavirus, sottoscritto tra OO.SS. e Associazioni Datoriali il 14/03/2020.

Per quanto sopra, siamo certi che Sua Eccellenza vigilerà con molta attenzione sulle istanze che arriveranno da parte delle aziende e chiediamo se fosse possibile di essere messi a conoscenza delle stesse, anche per poter fornire un contributo su quanto di nostra conoscenza.

Consapevoli delle difficoltà oggettive, riteniamo opportuno avere un momento di coordinamento e di monitoraggio della situazione.
Ringraziamo Sua Eccellenza per quanto potrà fare e cogliamo l’occasione per porgere
distinti saluti.

Segretario Generale CGIL Como Reggente CISL dei Laghi Segretario Generale UIL del Lario
f.to Giacomo Licata f.to Francesco Diomaiuta f.to Salvatore Monteduro

CORONAVIRUS: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI DA COMO, LOMBARDIA E TICINO

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata