Attualità

Ticosa, Maesani: “Bisogna bonificare. Mettere tappi è una logica miope, senza visione”

E’ la Cella3 il punto su cui si giocano i destini dell’aerea ex Ticosa. Come anticipato ieri, la giunta sta lavorando per chiudere rapidamente la questione ambientale. Due le soluzioni in campo secondo quanto emerge.

La Cella è l’ultima parte della zona a dover essere ripulita dagli inquinanti: con una spesa di circa 3 milioni potrebbe essere interamente ripulita dei veleni, in alternativa, con un investimento nettamente inferiore (stimato tra 500mila e un milione di euro) potrebbe essere letteralmente tappata, cioè chiusa in una membrana che cristallizzi l’esistente contenendo gli inquinanti in una sorta di stasi permanente.

Ticosa, 450 posti auto tra un anno. Piano bonifica: in giunta entro fine mese


“Letto quanto avete pubblicato mi auguro sinceramente vi sia un’analisi approfondita sulla differenza, non da poco, che passa tra bonificare e mettere in sicurezza” dice oggi il capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio Comunale, Patrizia Maesani.

Secondo la consigliera: “E’ rischioso optare per la soluzione tampone, rappresenta una logica miope e priva di visione sull’area”. In sostanza: “Isolare la Cella3 è una soluzione provvisoria, non possiamo pensare che l’area ospiti per sempre solo un parcheggio, pure essenziale, se domani si deciderà di costruire bisognerà necessariamente ripulire i terreni”. La scelta è ambientale: “Sono state fatte battaglie per salvare gli alberi in viale Varese, benissimo, mi pare che la questione di via Grandi meriti la stessa atttenzione, se non superiore”.

Insomma, il tema è una programmazione di ampio respiro: “Credo la messa in sicurezza della Cella3 riduca anche il numero di posti a disposizione, creando quindi un margine ridotto per l’amministrazione. Calcoliamo 2 euro l’ora per un centinaio di auto in meno. Ecco che probabilmente i costi di bonifica si coprono in fretta”.

Da Maesani, infine, un appello alla giunta: “Le mie sono riflessioni propositive, non polemiche, sia chiaro. La materia è sacrosanta prerogativa dell’esecutivo ma visto che faccio politica e siedo in consiglio vorrei sollecitare, sarebbe bello vi fosse un confronto aperto, o quantomento un’informativa puntuale per le componenti di maggioranza. Il tema è strategico, vitale per il futuro della città”.

 

  1. Alessandro Briccola

    Pienamente d’accordo.

  2. Giosafatte Mondelli

    Si ma quando? Sarebbe ora di finirla con i palleggiamenti, fate approvare un progetto discusso e condiviso e appaltate!
    ciao

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata