Attualità

Viale Masia: nuovo incidente (non grave), vecchie polemiche e traffico paralizzato

Lo schianto fortunatamente non è stato grave. Un ragazzo di 17 anni ha riportato alcune ferite. Lo scontro tra la moto del giovane e un’auto che, stando a quanto ricostruito, per evitare l’impatto ha deviato contro un’inferriata. Il tutto intorno alle 18.15 e le ripercussioni si sentono anche in questi minuti.

Traffico bloccato e automobilisti furibondi, soprattutto per i paletti di recente installazione che hanno impedito ai mezzi di aggirare la zona dell’incidente. Nelle intenzioni la struttura dovrebbe limitare gli incidenti e i pericoli ma al momento non par sortire effetti. Il tema secondo molti osservatori è la velocità che non dovrebbe superare i 30Kmh.

I controlli quindi diventano necessari. Oggi, prima dell’arrivo della polizia locale il traffico è stato regolato dai Vigili del Fuoco per circa 45 minuti.

  1. antonio

    i paletti stanno bene dove sono

  2. Carlo B

    In via Masia come in Napoleona, in tangenziale, in via Giulio Cesare e altre decine di strade, molto raramente vengono rispettati i limiti di velocità, e quando vengono fatti i controlli ecco che si scatena l’indignazione verso il comune, accusato di voler fare cassa.
    Purtroppo nel cervellino della stragrande maggioranza degli italici automobilisti non entra il fatto di dover rispettare i limiti di velocità indicati, tutti rallysti in gara per arrivare al CO al secondo spaccato

  3. Leonardo

    Paletti molto pericolosi. A milano per motivi di sicurezza e incolumità degli utenti della strada – motociclisti in primis – hanno smesso di installare manufatti in carreggiata da tanto tempo. Hanno perfino rimosso tutti i panettoni (ve li ricordate?) che stavano sul sedime stradale. Como purtroppo sta sempre nel passato. Sarebbe interessante vedere in polizia locale chi ha autorizzato un tale lavoro.

  4. Chicchibio

    Non ci vuole un genio per capire che paletti di ferro sono molto pericolosi soprattutto per ciclisti e motociclisti. Aspettiamo il primo dramma per modificare la situazione?

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata