Attualità

ComoZero cerca nuovi collaboratori. Corsia preferenziale per gli spiriti liberi

Sembra passata una vita, eppure abbiamo aperto i battenti il 14 febbraio di quest’anno (data che ci rende romanticamente lieti).
Qualche mese e le cose stanno già cambiando, non è questa la sede per tirare righe e tracciare bilanci ma, sappiate, siamo molto contenti dell’aria che tira.

Talmente contenti che siamo pronti a un nuovo passaggio, importante, radicale. Se la natura di questo giornale non cambierà mai, qualcosa, presto, muterà nella forma (meglio: nelle forme).

Per avvicinarci alla prossima trasformazione dobbiamo necessariamente allargare la sala macchine.

Così stiamo cercando – per la parte giornalistica – nuove figure da inserire nella truppa. Alcuni ruoli presupporranno un impegno costante e quotidiano, altri la più classica collaborazione esterna. Ogni posizione selezionata sarà, al netto di una minima fase di prova, remunerata (insomma niente insulti tipo: “Non abbiamo budget, devi credere nel progetto”).

In tutti i casi, ecco qualche dettaglio.

Costituiranno via preferenziale:

Età compresa tra i 25 e i 35 anni
Esperienza maturata in qualsiasi tipo di redazione (meglio ancora se il percorso è stato crossmediale: web, radio, tv, carta)
Conoscenza del territorio, tra città e provincia
Chiara attitudine alla scrittura
Competenza nel montaggio audiovisivo e nella ripresa

Unici requisiti vincolanti:

Libertà di pensiero
Esercizio costante del dubbio

Ci servono teste vivaci, flessibili, capaci di proporre idee, ritagliarsi spazi e settori di competenza, offrire (prima di tutto a noi) uno sguardo nuovo e fresco sul mondo: siamo i primi a voler imparare, sempre.

Il curriculum è importante, è vero, quindi inviatelo ma preferiremmo qualche riga di accompagnamento. Meno zuppa Europass in ragione di qualche noterella più personale. “Predisposizione al lavoro in team” è espressione che preferiremmo non leggere. Meglio qualcosa di genuino.

Mail:
redazionecomozero@gmail.com

Specificando nell’oggetto: CANDIDATURA REDAZIONE

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata