Attualità

Coprifuoco in piazza De Gasperi, i locali vanno in appello. E Giuliani schiera i super-avvocati

Scadevano oggi i sei mesi per presentare ricorso in appello. Mentre il Comune di Como già da tempo ha deciso di non compiere ulteriori passi, gli esercenti della zona, dopo la sentenza che ha sancito definitivamente il coprifuoco, hanno deciso di tornare in aula.

Parliamo della vicenda di piazza De Gasperi, caso che ha animato le cronache cittadine negli ultimi anni:

Piazza De Gasperi: coprifuoco definitivo e risarcimento. Condannato anche il Comune: “Non ha vigilato” 

C’è una significativa rimodulazione nell’assetto della difesa, segno di una precisa volontà: schierare i pezzi da novanta.

Uno era già in campo, si tratta dell’avvocato Giuseppe Marco Belvedere che, per il primo grado di giudizio, ha rappresentato i 4 locali della zona. Lo stesso legale, in questa fase due, rappresenterà il Sant’Agostino e L’Ox. L’avvocato Angelo Giuliano rappresenterà lo Yōko Sushi.

COPRIFUOCO IN DE GASPERI: TUTTA LA VICENDA

A due nomi già fortissimi ora si affianca il top di gamma italiano, lo Studio BonelliErede (tanto per capire: primo assoluto per fatturato con 166 milioni di euro e nella Top 50 delle law firm più innovative in Europa, secondo il Financial Times) che rappresenterà Carmine Giuliani (Bar Giuliani) portavoce degli esercenti.

“Abbiamo deciso di differenziare le difese – spiega Belvedere – perché la sentenza di primo grado ha accumulato tutti i locali come se fossero un’unica sorgente di disturbo ma è evidente che la posizione del ristorante Sushi (il più distante), per esempio, lo rende un caso diverso”. La vicenda è finita in tribunale dopo anni di tensione tra un residente e i titolari dei locali a causa della movida serale e notturna.

Fatale che la battaglia si sia giocata a suon di perizie e indagini fonometriche. E proprio su questi punti fondano, tra le altre cose, i capisaldi dell’appello. “La perizia deve essere rifatta o rinnovata – spiega il legale – quella di primo grado non ha calcolato il differenziale di emissione, cioè i rilievi non sono mai stati fatti con la i locali chiusi. Come si fa dunque a distinguere il rumore ambientale, di fondo, da quello dei locali?”.

Contestato anche il risarcimento in favore del residente (dei 240mila euro richiesti il giudice di primo grado ne ha riconosciuti 60mila) ma, dice Belvedere “non ci sono prove di un effettivo danno alla salute. Inoltre Ox e ristorante Yōko Sushi sono stati condannati al risarcimento anche per gli anni in cui non avevano ancora aperto. Nel 2013 non c’erano: il primo ha aperto nel 2014, il secondo nel 2015”.

L’udienza è fissata per marzo.

Intanto prosegue la trattativa tra Comune e esercenti per l’eventuale installazione dei dehors, strutture che dovrebbero mitigare i rumori serali e notturni. Allo stato il progetto è ancora in fase di valutazione. Avevamo anticipato i rendering lo scorso 10 gennaio:

IMMAGINI Piazza De Gasperi: contro il coprifuoco ecco i dehors fonoassorbenti 

Come in ogni circostanza connessa a queste cronache abbiamo contattato il residente per una replica (o presa di posizione tramite i propri avvocati) evidenziando l’ovvia disponibilità a ospitare ogni voce. Per il momento non ci sono commenti.

GALLERY-SFOGLIA

 

  1. 1 premessa: ma sono i gestori dei locali i padroni di piazza de Gasperi? Il comune volendo può non concedere più la piazza e metterci un parco giochi..mi sembra un comportamento un po’ prepotente. Non dò loro completamente torto, il residente poteva trovare un compromesso, ma davvero irrita il fatto che parlino come se la piazza fosse di proprietà, come se la signora gerosa avesse fatto realizzare questa piazza di sassolini per loro..

    • giorgio

      Vero, si comportano come se fossero padroni di una piazza invece pubblica.

      Detto ciò, vista la richiesta danni del residente, preparano giustamente la loro difesa, in quanto immagino non entusiasti di sborsare 60 mila euro.

  2. Luisa Corti

    Beh:finirà che il Comune sarà condannato e pagherà fior di soldoni…

  3. Comino

    Rumore di fondo… Lo sciabordio delle onde, il brandeggio della motonave orione lì ormeggiata e il russare degli abitanti del vicinato (sì, anche di quello in causa) effettivamente saranno buona parte del rumore! Per non parlare di folaghe e germani che con i loro maledetti qua qua e suoni a trombetta risultano sempre troppo molesti. Poi quella maledetta pista ciclabile: ogni volta che ci passa una bici (sì, UNA bici la percorre) si sente quel rumore di catena poco oliata e il rimbombo delle camere d’aria. Una volta tutti gli avventori del bar si sono spaventati per il rumore al passaggio di un passeggino con le sue maledette routine sulle sconnessioni del marciapiede. Effettivamente gli avvocatoni hanno tutti gli elementi per vincere. E contro il Comune ci riusciranno pure…

  4. Big

    Quella piazza è occupata in via permanente dai locali. Di fatto per i cittadini è inutilizzabile.

  5. Rumi

    Quello è’ uno spazio pubblico quindi di tutti Noi e non solo dei gestori, mi sembra alquanto pretenzioso il fatto di poter mettere dei dehors fissi che di fatto lascerebbero la piazza in mano ai gestori, è’ una concessione di suolo pubblico allora lanciamo una proposta una “associazione di cittadini” che partecipi alla concessione e tolga una volta per tutte l’area a chi si ostina a pensare che quella sia casa sua!

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata