Attualità

Davide non è solo: gli ecoguerrieri del clima sono diventati 5 (e rispondono agli haters)

Una neve pesante scende dal cielo in queste ore. Ma no, non è la prova che il riscaldamento globale non esiste. Lo sanno bene Davide, Irene, Riccardo, Ilià e Sofia, i cinque ragazzi che in queste ore sono davanti a Palazzo Cernezzi, sotto una nevicata fitta, per il secondo appuntamento dello Sciopero per il Clima.

La settimana scorsa, ComoZero era incappato quasi per caso in Davide Faifer, un giovanissimo studente dell’Istituto Tecnico Terragni di Como che per primo ha dato inizio alla versione comasca del sit-in ecologista davanti al Comune.
L’obiettivo? Diffondere consapevolezza sul cambiamento climatico e chiedere l’attuazione di politiche a tutela dell’ambiente.

Questo tipo di contestazione è nata lo scorso agosto, in Svezia, quando la l’attivista 15enne, Greta Thunberg ha manifestato in solitaria per giorni davanti al Parlamento svedese contro la mancanza di politiche atte a prevenire il riscaldamento globale. La pratica si è poi diffusa in altri paesi attraverso i social media, arrivando fino a Como.
L’articolo sulla protesta solitaria di Davide ha destato lodi sincere da parte degli utenti Facebook della pagina di ComoZero. Ma gli haters – gli odiatori – non si sono fatti attendere.

Un commento in particolare, riportava alcuni quesiti per il nostro “eco-guerriero”.

“Comozero ma scusatemi, ma perché voi trovate bellissima la trovata del giovine scioperante a favore del clima? Non sarebbe più opportuno adoperarsi attivamente per salvare il pianeta? Quindi per cortesia potreste chiedere al ragazzo di illustrarci come lui proattivamente […] ci aiuta a salvarci dal tragico destino. E poi qualche domanda. Nei suoi tragitti casa, scuola, comune di Como, usa mezzi ecologici o inquinanti auto e motorini? In casa si riscalda col perfido gas o vive a quindici gradi ricoperto di foglie di banano? Cura la sua folta chioma con sciampi industriali o col miele delle operose api? È vegano o si nutre di carni di animali scorengioni? Magari frequenta discoteche, concerti e rave che hanno un elevatissimo consumo di energia?

Siamo quindi tornati da Davide perchè potesse rispondere a questi quesiti che lui stesso, dice di aver trovato interessanti.

Davide, andiamo con ordine, come ti sposti tra casa e scuola – e comune di Como?
Innanzitutto non ho il motorino. La macchina viene utilizzata solo quando serve. Per il resto uso i mezzi pubblici.

A casa ti riscaldi con delle foglie di banano?
(Ride) No, niente foglie di banano. In casa stiamo attenti allo spreco energetico. Usiamo il gas, certo, ma stiamo attenti a non sprecare il calore. Facciamo docce più corte in modo da non dover riscaldare acqua inutilmente. Con mia madre stiamo cercando di ridurre il consumo di plastica e limitare l’uso di saponi industriali.

E per quanto riguarda gli “sciampi”?
In realtà sto cercando un modo di lavare i capelli che non danneggi l’ambiente. Ma per il momento niente miele delle api. Però è una domanda che nasce da uno stereotipo nel vedere un maschio con i capelli lunghi. Si fosse trattato di una ragazza, il problema non si sarebbe posto.

Sei un carnivoro che va in discoteca?
Vegetariano e posso dire che no, in discoteca non ci vado.

Risolto il mistero sulla condotta ecologica di Davide, rimane una domanda precisa che abbiamo rivolto ai ragazzi in sciopero. Perché si incontra una così efferata resistenza nel diffondere un messaggio ecologista?

“In Italia c’è una determinata cultura influenzata magari da un aspetto demografico – spiega Ilià Barani, anche lui studente del Terragni, insieme alla sorella Sofia – il fatto che ci sia una maggioranza di persone anziane non aiuta. Spesso non percepiscono il cambiamento climatico come un problema che coinvolge tutti e che va affrontato prima che sia troppo tardi”

Al fianco di Ilià, Davide e Sofia, Irene, capo scout, laureata in medicina che ha preso parte allo sciopero oggi dopo averne letto su Comozero, spiega che “si tratta forse di un rifiuto psicologico dovuto in parte alla mancanza di educazione e dal non saper cosa fare per alleviare il problema. In realtà basterebbe rivedere alcune abitudini. Piuttosto che chiedere un parcheggio in Ticosa perché non potenziare le linee ferroviarie che passano per Como o la rete di trasporto pubblico? Non bisogna essere per forza degli estremisti vegani. Le soluzioni sono alla portata di tutti e il messaggio deve essere trasversale”.

  1. tanto di cappello ai ragazzi che si impegnano su temi cosi necessari.non siamo li fiscamete per rispetto , ma siamo con voi moralmente

  2. l’armando

    È notizia di ieri che l’Arabia Saudita consuma il 10 % del petrolio giornaliero che estrae per se stessa…
    È notizia di questi giorni che le nevicate copiose che hanno coperto il nord degli Stati Uniti hanno “bloccato “ a terra migliaia di aerei.
    È notizia recente che le trivelle nel Mediterraneo dovranno riprendere a perforare per non concedere ad altri la ricerca di gas e petrolio.
    È stato divulgato il dato che indica la recessione in Europa ; l’auto (pezzo trainante dell’economia ) sta recedendo, pertanto si cerca di far riprendere questo settore…
    Serve sempre non dimenticare che le grandi navi da crociera, grande vanto dell’italianità, hanno consumi di carburante smisurato !
    La confusione regna !
    I consumi di combustibili fossili continuano e continueranno finché tutti noi non decidiamo l’utilizzo di zoccoli in legno, saio e tram di S. Francesco.
    Sarebbe interessante sapere se oggi, giornata di neve, qualcuno ha percorso le nostre arterie, avrebbe avuto modo di constatare quanti mezzi pesanti circolano con difficoltà enormi.
    Non va neppure scordato che il desiderio dei cittadini è quello di rimanere tra le proprie dimore “ordinando” prodotti e cibo On Line, trascurando che in città i mezzi commerciali adibiti a questo scopo sono costretti a girare vorticosamente.

  3. È vero quello che dice l’armando, ma aspettare che le cose si risolvano con i massimi sistemi non serve a nulla. Io e la mia famiglia abbiamo cominciato tanti anni fa (20 o giù di lì) a seguire piccole regole: chiudere l’acqua quando ti lavi i denti o fai i mestieri , quando devi lavarti ( non ne puoi fare a meno!) usare prodotti biologici e biodegradabili, differenziare tutto e quello che non riesci portarlo in discarica per smaltire ulteriormente. Se hai un giardino fai il compost, ecc, ecc. Piccoli gesti che se fatti da tutti diventano Grandi gesti.

    • Thomas Romanò

      Cara Mariagrazia Costa, per quanto riguarda l’utilizzo dei prodotti biodegradabili non posso che stringerti la mano. Però vorrei sottolineare che il prodotto “biologico” non è per nulla amico dell’ambiente, soprattutto se si parla di cibo: il cibo biologico ha un impatto ambientale maggiore rispetto a quello convenzionale per quanto riguarda ad esempio la diminuzione della biodiversita, la resa agricola ecc. Morale: “bio” ha poche fondamenta scientifiche e tanto, tanto marketing a sostegno. Sapere è potere. Saluti.

      • Non sono tanto d’accordo: dipende a quale biologico ti riferisci. Se quello dei supermercati, sono d’ accordo con te. Io mi rifornisco da piccole aziende che coltivano in proprio e si appoggiano ad aziende che hanno fatto le stesse scelte etiche. C’è da dire una cosa: questa scelta in un bilancio familiare costa e mi rendo conto che non tutti possono farla. Ma come ho detto prima sono i piccoli gesti importanti ed ognuno fa quello che può. Ad maiora.

  4. Graziano Castoldi

    Iniziativa più che condivisibile, anche se, purtroppo, rimarrà solo un coraggioso tentativo che non porterà a nulla. Magari qualche giorno verranno ricevuti da qualche assessore che fingera’ di essere interessato e che proporrà un incontro in qualche sala con invito alla cittadinanza, dopo di che… tutti a casa ad aspettare… Purtroppo siamo figli delle comodità e padri della ricerca dell’araba fenice e prima di rinunciare a ciò che abbiamo vogliamo vedere le alternative…e non ci piaceranno… Giovani, tocca a voi fare casino: noi siamo stanchi…e fastidiosi, perché ci siamo seduti sulle nostre conquiste, credendo di essere arrivati… Buona giornata a tutti.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata