Attualità

Denuncia del lettore: “Gelsi pendenti come la torre di Pisa. Salvateli: sono simbolo della seta”

Nume tutelare dell’industria serica, il gelso è diventato, nei secoli e per estensione, simbolo della città di Como. Proprio con l’intento di ricordare la fortuna che la seta ha portato sul nostro territorio, diversi alberi di gelso sono stati piantanti lungo la passeggiata di lungo lario Trento quando gli Amici di Como la presero in gestione (oggi la promenade è tornata in capo al Comune).

In un’analogia calzante con la sbiadita potenza economica dell’industria manifatturiera cittadina, i gelsi della passeggiata hanno però avuto giorni migliori. Dopo una fotodenuncia inviata a ComoZero da un lettore, infatti, abbiamo potuto verificare le disperate condizioni degli alberi.

Tra la calca dei turisti ansiosi di salire su uno dei battelli in partenza, è possibile notare che, in effetti, diverse piante sono inclinate sul loro asse nonostante alcuni pali che dovrebbero servire da supporto.

Lo stato di sofferenza dei gelsi è visibile dalla diversa colorazione delle foglie, tendenti al giallo, dove l’angolo tra suolo e tronco è più innaturale.

GALLERY SFOGLIA

La passeggiata, come detto, è passata al Comune, cui è stata restituita a metà 2018.

Pochi mesi dopo il passaggio di mano, ad agosto dello scorso anno, riportavamo un’altra foto-denuncia dell’imprenditore Daniele Roncoroni che poi è stata ripresentata in Consiglio Comunale alzando un vespaio di polemiche.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata