Attualità

Ippocastano ferito. Aleotti: “Area preda dei vandali. Sfregiato il nuovo albero”

Ancora non si è dissolto del tutto quel sottile velo di nostalgia per lo storico Ippocastano che ha dato e continua a dare il suo nome a un’intera fetta di città tra via Ambrosoli e via Aldo Moro, che vandali e incivili hanno già pensato bene di alimentare l’attualità più stretta.

L’albero centenario dallo scorso inverno non c’è più, ucciso dal tempo e da qualche malattia che è riuscita laddove nemmeno il progetto di un nuovo e fiammante autosilo ce la fece oltre 20 anni fa. I meno giovani ricorderanno le tumultuose polemiche ambientaliste che riuscirono a imporre lo stop al previsto abbattimento della pianta.

Ora, al posto del “re” ormai deposto, c’è un altro “ippocastanino”, giovane giovane, posato subito dopo il taglio del nobile predecessore come segno di ricordo e di continuità. E qui arrivano le brutte notizie.
A portarle – suo malgrado – alla ribalta pubblica è stato il consigliere comunale del Movimento Cinque Stelle, Fabio Aleotti.

“La segnalazione mi è giunta da alcuni cittadini – ha specificato il consigliere – e riguarda proprio il nuovo ippocastano posato al posto di quello pluricentenario abbattuto. Purtroppo, l’albero sta subendo danni da alcuni incivili che bivaccano nella zona, ne spezzano i rami e come se non bastasse accendono fuochi quantomai pericolosi”.

Insomma, vandalismo puro ai danni dell’albero e in generale dell’area.
“I cittadini – ha poi aggiunto Aleotti – chiedono che l’albero venga tutelato. Chiedo alla giunta di verificare a fondo questa situazione di inciviltà”.

La risposta, in realtà, è arrivata a strettissimo giro di posta. A intervenire, infatti, è stata Elena Negretti, assessore della giunta Landriscina a cui fanno capo le deleghe di Polizia locale e Sicurezza.

“Per quanto riguarda quella zona – ha risposto ad Aleotti – è già stata segnalata e sulla situazione si stanno raccogliendo i riscontri necessari”. Nulla di più, ma a voler interpretare, e alla luce dei massicci interventi già operati dalle forze dell’ordine in via Anzani e poi in via Milano Alta, si potrebbe anche azzardare che l’area dell’Ippocastano sia ben “avviata” verso un destino simile.

Il pezzo che hai appena letto è stato pubblicato su ComoZero settimanale, in distribuzione ogni venerdì e sabato in tutta la città: qui la mappa dei totem.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata