Attualità

John, senza Carta di Identità e senza lavoro. E’ braccio di ferro, Lamarucciola: “Accanimento”

Di John (nome inventato a tutela dell’interessato) e della sua storia raccontiamo dettagli da molti giorni.

E’ il primo richiedente asilo di Como (grazie alle sentenze precedenti di Firenze e Bologna) a ottenere il diritto all’iscrizione anagrafica.

Così, almeno, secondo un giudice del tribunale cittadino. Insomma, decisione di un qualche peso.

Altra cosa la posizione del Comune.

Riassumiamo per brevi tappe:

1 – John vince la sua battaglia: è il primo richiedente asilo iscritto all’anagrafe di Como. Nonostante Salvini

2 – John vince in Tribunale, ma l’Anagrafe rinvia l’iscrizione. L’avvocato: “Così rischia il lavoro”

3 – Un incubo burocratico (e politico?), John è ancora senza Carta di Identità. Fanetti: “Una porcata”

D’altronde, tutto si gioca sul passaggio finale del dispositivo giudiziario:

John ha diritto ma quell’entro gg. 15 offre margini affinché l’amministrazione faccia le proprie valutazioni.

Come vanno dunque le cose? Lo racconta, in una nota, il legale di John, l’avvocato Antonio Lamarucciola (che, ricordiamo, è anche presidente dell’Osservatorio giuridico per i diritti dei migranti). Eccola:

Questa mattina verso le 11.15 mi sono recato con “John” all’ufficio anagrafe per capire se vi fossero delle novità in merito alla sua iscrizione all’anagrafe.

Ciò perché oggi pomeriggio John avrebbe sostenuto il colloquio per una possibile nuova assunzione di lavoro a decorrere da settembre e avrebbe preferito recarsi al colloquio con il certificato di residenza, richiestogli in precedenza per avviare le pratiche di assunzione; in ogni caso quel certificato gli serve perché l’attuale luogo di lavoro, (occupazione stagionale nel settore alberghiero) si trova fuori Como, e quando finisce il turno spesso sono le ore 02.00 di notte e non avendo mezzi per rientrare a Como è costretto a pagarsi un taxi erodendo il suo già precario guadagno.

Patrizia Lissi

Inoltre da informazioni ricevute dalla consigliera Lissi, avevo saputo che ieri la Giunta dovrebbe aver affrontato la questione decidendo sull’eventuale proposizione di un reclamo: motivo per cui ritenevo che contemporaneamente potesse aver “sbloccato” l’iscrizione anagrafica.

Tuttavia, la dott.ssa Lo Cascio, alla quale ho nuovamente rappresentato l’urgenza, da me interpellata non ha voluto dirci nulla invitandoci a rivolgerci all’ufficio legale, nella persona dell’avv. Marina Ceresa per avere maggiori chiarimenti.

Senonché la responsabile dell’Ufficio Legale era impegnata e non ha potuto ricevermi; la sua collega avv. Ogliaroso ci ha solo potuto confermare quanto già scritto in precedenza dall’avv. Ceresa, che indicava l’intenzione di adempiere all’ordinanza “entro il termine concesso” e la riserva della Giunta in merito alla eventuale proposizione del reclamo.

Ho provato a ricordare all’ufficio legale che avevo espressamente indicato la necessità di avere un certificato di residenza entro questa mattina, ma ciò non ha sortito l’effetto sperato.

Ora, ho provato a farmi una ragione di tale accanimento verso una persona che vuole solo poter garantire alla sua famiglia un sostentamento adeguato ma non ne ho trovati.

A meno che il Comune, la Giunta, non stiano pensando di presentare oltre al reclamo una istanza di sospensione dell’ordinanza cautelare; tecnicamente ciò è possibile ma occorrerebbe dimostrare che il Comune potrebbe subire un “grave danno” dall’esecuzione dell’ordinanza del dott. Abate, cosa che francamente mi pare davvero improbabile posto che si tratta di una banale e semplicissima iscrizione anagrafica per la residenza di un cittadino regolarmente presente nel nostro territorio.

Non resta che attendere le decisioni della Giunta e capire se sarò stato un buon … “indovino”.

  1. Dal tempo dei decreti Bassanini la gestione spetta in modo autonomo al dirigente, alla giunta solo l’indirizzo politico. L’ ingegner Fazio dia seguito alla sentenza, altrimenti venga sanzionato. La condotta del comune nei confronti di John è vergognosa.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata