Attualità

La gioiosa macchina da guerra di Piazza Volta: “Mettiamo 10mila euro per i concerti”

Quattro esercenti, tre locali, un’estate in cui gli eventi – quantomeno quelli del Comune – aspettano ancora un bando, un’idea, un’organizzazione.

PER APPROFONDIRE:
La dolce estate era già cominciata, senza eventi. Cavadini: “Giunta Lucini, noi i veri giovani”

“Visto che lo fanno in piazza San Fedele con il Jazz (qui i dettagli) perché non replicare qui?”. Sono pronti: Davide De Ascentis e Cesare Roncaglio titolari del Krudo, Mattia Angelo Leparulo del Sorso, Omar Vesentin dell’Hemingway. Pronti a investire per concerti e eventi.

“E’ assurdo – dicono – non avere ancora una programmazione comunale degli eventi. Per questo vogliamo investire 10mila euro in concerti e spettacolo per questa piazza. Sia chiaro, non vogliamo maggiorare i prezzi o speculare, pensiamo solo che l’immagine di Como, in questa stagione debba essere più solare e divertente”.

Il pensiero è chiarissimo: “E’ una città turistica a metà, siamo sotto il livello medio sul fronte eventi, servizi, proposte culturali. La domanda turistica è altissima e non è accettabile che non vi siano idee, proposte, concerti e mostre. Como è splendida, è già in sé un’offerta, adesso deve essere valorizzata nei mesi in cui l’impennata turistica è evidente”.

Così la proposta all’amministrazione: “Ci appelliamo al Comune, noi siamo disposti a mettere il denaro, quello che chiediamo all’amministrazione è il supporto logistico: basta un palco”. La proposta è aperta: “Speriamo che gli altri esercenti della piazza si uniscano a noi. Non vogliamo fare casino o discoteche notturne: immaginiamo musica dall’ora dell’aperitivo fino al massimo alle 22-23. La disponibilità è massima”.

L’assessore Marco Butti

Il tema dei concerti, peraltro, è strettamente legato al regolamento del Commercio (ora in fase di riscrittura con l’assessore Marco Butti): “I locali – denunciano gli esercenti – oggi possono organizzare solo un concerto ogni tre mesi, quindi quattro massimo ogni anno”.

Infine un pensiero sul caso del coprifuoco di Piazza De Gasperi “E’ un precedente pericoloso – dicono – mettiamoci nei panni di un turista che alle undici di sera si sente dire che deve bere il caffè in piedi. Come ci sentiremmo noi?”

PIAZZA DE GASPERI: TUTTA LA VICENDA

 

 

  1. Carlo

    Ogni tanto qualcuno di buon senso…
    Aberrante che la politica non abbia le forze per proporre idee. Cosa esiste a fare?
    Fortuna che alla fine esistono sempre i soliti decantati “privati”

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata