Attualità

Un autunno di sport a Como. Ciclismo, rally, tennis e canottaggio, Galli esulta: “Città internazionale”

Se gli Eventi Estivi sono partiti in drammatico ritardo, quelli sportivi sono annunciati con largo anticipo (o quasi), finalmente

L’autunno 2019 sarà una stagione densissima di eventi sportivi per i gusti di ogni appassionato, dal tennis al canottaggio, dal rally al ciclismo. In sostanza il Comune ha unificato in un unico calendario diverse manifestazioni storiche.

Furbata, si dirà. No, finalmente una scelta politica unificante che garantisce visione di insieme e una cucitura amministrativa che evita l’ordine sparso. Va bene.

“La stagione sportiva sta per cominciare e saranno molti gli appuntamenti che ci attendono – ha annunciato l’assessore allo Sport del Comune di Como, Marco Galli, nella cornice della fiera di Sant’Abbondio, dove è stato presentato il fitto programma di manifestazioni sportive delle prossime settimane – Lo sport è un veicolo importantissimo per qualsiasi amministrazione. È quel pass che può dare lo spicco internazionale a una città”.

Dall’inizio di settembre, fino alla fine di ottobre, infatti, si avvicenderanno l’Atp Città di Como (26 agosto-1 settembre), la Centomiglia del Lario (21-22 settembre), il Trofeo Villa D’Este (28 settembre), il Giro di Lombardia (12 ottobre), il Gran Fondo di Lombardia (13 ottobre) e, infine, il Rally Aci Como (25-26 ottobre).

Presenti al punto stampa di presentazione i diversi referenti delle iniziative.

“L’edizione di quest’anno del torneo di tennis Atp Città di Como, sta registrando molti più incontri e tabelloni di gioco decisamente pieni – ha spiegato Chiara Sioli, presidente del Tennis Como, descrivendo l’imponente afflusso di atleti e tifosi che hanno preso parte al torneo- abbiamo all’incirca 15 o 16 incontri al giorno, uno spettacolo per gli appassionati e un’iniziativa unica in questo periodo, rispetto a Milano che ha gare in primavera e Bergamo in inverno”.

“Quest’anno si correrà la 70sima Centomiglia del Lario. È una gara longeva. Ci aspettiamo una partenza con almeno 25 imbarcazioni – ha detto Roberto Ruggeri, presidente dello Yacht Club di Como e organizzatore della competizione nautica – il percorso prevede un primo tratto verso l’Hotel Mandarin Oriental, poi verso Villa d’Este e ancora verso lo Yacht Club per 14-15 giri in totale. Speriamo vivamente che il numero di barche partecipanti sia abbastanza per dare spettacolo”.

Alla fine di settembre, il Trofeo Villa D’Este vedrà 100 canottieri gareggiare nel singolo individuale.

“I ragazzi correranno sui 3000 metri mentre dai junior fino ai master sul doppio della lunghezza, 6000 metri – ha spiegato Leonardo Bernasconi, presidente di Canottieri Lario – la novità di quest’anno è la nostra sezione di para-rowing (canottaggio per atleti con disabilità Ndr) che ci porta sullo stesso livello di Varese e Mandello che hanno la loro squadra”. 

Per gli amanti del ciclismo, dopo il successo della tappa del Giro d’Italia del maggio scorso, il 12 e 13 ottobre vedrà il ritorno del Giro di Lombardia e del Gran Fondo Il Lombardia.

“La tappa comasca del Lombardia si estenderà per 243 da Bergamo a Como, con 25 tra le più importanti squadre internazionali. La novità è che il percorso prevede un passaggio da San Fermo della Battaglia” ha spiegato Roberto Salamini, capo marketing e comunicazione di Rcs Sport.

Ultima (ma solo in termini cronologici) tra le manifestazioni di rilievo in programma per l’autunno è il Rally Aci Como.

Per questa edizione, la 38sima, gli organizzatori si aspettano una partecipazione record.

“Con così tanti partecipanti venuti da tutta Italia avremo anche 350 commissari di gara – ha detto Pietro Brenna, presidente dell’ACI di Como – il percorso si estenderà su 80 km di prove speciali”.

  1. Marco F.

    tutte cose belle e quasi tutte già esistenti. Ancora per le società del territorio niente di concreto.
    Campo Coni una barzelletta, palazzetto di Muggió tante chiacchiere, zona tempio comicità pura oltre ad aver perso fondi, piscina di muggió chiusa ma con asfalto del parcheggio rifatto alla grande, Sinigaglia stadio un mistero, Sinigaglia piscina con telo di plastica per proteggersi dalle piastrelle taglienti, casate palazzo del ghiaccio facciamo una preghiera per quest’inverno, piscina di casate risistemata e guarda casa anche sede principale della sua ex società. Ma niente polemica, almeno quella è stata sistemata.
    Diamoci da fare per la nostra città ma anche per chi la vive tutti i giorni.

  2. Bene, per gli eventi.
    Ma i giardini, il mini golf, il Tempio, la zona Muggiò (palazzo crollato e piscina, campo coni)..non sono eventi da weekend o giornaliero, sono la quotidianità di chi vive lo sport o di chi ci porta i figli o nipoti.
    Dimenticavo il povero Sinigaglia (stadio e piscina)

  3. Comino

    Infatti, si replica ciò che di eccellente si ripete ogni anno. Ma forse per questa amministrazione il fatto di non aver perso gli eventi è un grande successo! Già qualcosa…

  4. Condivido tutti i commenti precedenti. Lo sport dei tifosi è fatto di eventi. Quello degli sportivi è fatto di strutture. Sportivi e dirigenti sportivi sanno che Como è un “deserto” di impianti. Per poter organizzare qualcosa, allenarsi…..bisogna chiedere ospitalità alle strutture dei paesi intorno a Como che sono sempre più insufficienti.

  5. Marta

    Ma scusate tutte queste cose ci sono da anni …

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata