Attualità

Marialuisa, 23 anni, e lo shopping: “Como solo per ricchi. Assurdo manchino Zara e H&M”

Ha riscosso un enorme interesse – e una vivace coda di opinioni e confronti – il numero di ComoZero settimanale dedicato all’arrivo in città dei grandi franchising e delle grandi catene, non di rado a discapito degli storici negozi comaschi.

Gli articoli del cartaceo, traposti successivamente sul sito, hanno raddoppiato l’effetto.

Un tempo erano tutte botteghe. Storie da via Luini: i volti e le vite delle antiche vetrine

E oggi, sulla stessa scia, ospitamo un contributo di una giovane comasca, Marialuisa, 23 anni. La quale offre un punto di vista interessante, che in qualche modo nulla toglie al valore delle boutiques del centro storico, ma nello stesso tempo – per molti motivi – saluta con piacere l’arrivo dei marchi globali.

Pubblichiamo di seguito l’intervento in forma integrale.

Nel contesto del dibattito botteghe/catene, tanto attuale nella nostra città, vorrei esprimere la mia opinione personale: il punto di vista di una giovane cittadina comasca.

Comprendo bene ciò che sostengono molti miei concittadini, cresciuti passeggiando davanti alle vetrine di attività storiche come il Bolla, il Croci, o la Casa della carta e certamente un po’ nostalgici di quei tempi. Tuttavia vorrei presentare un’opinione differente.

Mettetevi nei panni di una studentessa universitaria di 23 anni come me, che quindi (ad eccezione di qualche piccolo lavoretto) dipende ancora economicamente dai propri genitori.

Per me, come per la stragrande maggioranza dei miei coetanei, questo “monopolio” dei grandi marchi storici di Como è sentito come un disagio, poiché per molti di noi è praticamente impossibile comprare qualcosa in queste boutiques.

Come potrebbe un giovane studente universitario a permettersi un capo in negozi come il Butti, il Tessabit o l’Agiemme (unica eccezione è quello per ragazzi, che comunque vende marchi costosi), dove la spesa minima parte sempre da 3 cifre?

È per questo motivo che ritengo necessaria la compresenza di franchising nella nostra città accanto alle boutique di alto livello, che giustamente devono rimanere perché raccontano l’identità di Como, ma bisogna pensare a un commercio accessibile a tutti.

Trovo assurdo che qui manchino marchi come Zara o H&M, presenti persino in città più piccole della nostra, e proprio per questa ragione molti giovani si vedono costretti a fare i loro acquisti in altre città o centri commerciali, evitando di spendere i propri soldi a Como.

Con il passare degli anni, purtroppo, questa città mi sembra sempre più fatta solo per ricchi abitanti e ricchi turisti.

  1. Andreab

    Non vedo perché debba essere obbligatoria la presenza di Zara e HM in tutti i centri storici delle città. Non mancano di certo altri marchi altrettanto economici in citta murata o appena fuori e poi stia tranquilla la ragazza tanto i negozi storici stanno tutti chiudendo a favore degli omologati e banali e massificanti Marchi commerciali purtroppo

  2. Luisa Corti

    Ma Zara non apre a breve ?

  3. antonella

    …Ma invece di tenerci i nostri negozi storci con la nostra roba italiana dovremmo cedere alla massificazione ??Io personalmente sono stufa di vedere vestiti tutti nella stessa maniera con gli stessi abiti: dico no a questa globalità da quattro soldi …

  4. Aldo

    Mi fa piacere leggere che c’è ancora gente che può permettersi di spendere 200€ per un paio di scarpe o per un maglione. Purtroppo molti altri non possono, perché c’è il mutuo, lo stipendio basso, studiano, sono pensionati. Tutti vorremmo indossare capi originali ma, o li si fa da sé, o abbiamo bisogno di un aumento considerevole dei nostri stipendi. Visto che io in particolare non so cucire nemmeno un bottone, mi aspetto un aumento, così da poter sfoggiare capi non omologati e “tutti uguali”.

  5. purtroppo Tessabit è da anni che non permette di far aprire negozi low cost..ciò è scandaloso..praticamente Como è in mano loro. .tra l’altro che paura dovrebbero avere visto che i target sono completamente diversi..a Varese coesistono brand monomarca di lusso e zara ed H&M …Como si deve svegliare e modernizzare. è vero i negozi sono solocquasi per turisti o ricchi.. anche perché io ci compro accessorio una scarpa in quei negozi ma scusate se devo comprare una giacca cappotto o jeans non sto a spendere quelle cifre e devo andare fino a Varese….

  6. Donatella

    La lamentela non ha senso Como trasborda i centri commerciali massificati dalla globalizzazione con merce a prezzi contenuti. Sono invece preoccupata dal soccombere di botteghe, artigiani e qualità proprio a causa di questo processo svilente che vuole rendere le città tutte uguali e privarle proprio di quell’anima che.le ha rese uniche. A proposito: anche quel proliferare ossessivo di bancarelle sta diventando svilente e danneggia lo spirito della città e l’economia complessiva: meglio 4 spiccioli per carabattole che qualche decina di euro per un buon prodotto…..
    Follia pura se la gestione turistica della città continuerà così tra qualche hanno sarà tutto dimenticato. E ve lo dice una comasca di recente adozione che non ha interesse né nel turismo né nel commercio della città

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata