Attualità

“Case per polizia e carabinieri in via Milano Alta”. Ecco il piano Salvini-Locatelli. Esce ComoZero Settimanale

Apre con una dichiarazione clamorosa il nuovo numero di ComoZero Settimanale. Ricorderete bene le parole del vicepremier e ministro, Matteo Salvini, pochi giorni fa in città.

“Il mio sogno è andare in via Milano passeggiando in Italia. Ci stiamo lavorando” 

Ecco, abbiamo approfondito quel “ci stiamo lavorando”. Il deputato, vicesindaco, assessore e leader indiscusso della Lega a Como, Alessandra Locatelli, ha raccontato il piano: “Destineremo case comunali alle forze dell’ordine”.

Un ampio ragionamento cui risponde clamorosamente il segretario cittadino di Forza Italia, Stefano Vicari insieme con i commercianti stranieri della zona.

Sempre seguendo il vento Padano raccontiamo il popolo del Capitano. Quei comaschi innamorati del neosalvinismo ma ancora nostalgici dei colori, dei riti, dei miti e della simbologia della Lega. Quando era Lega Nord. Un reportage fotografico e narrativo di assoluto livello.

COMOZERO SETTIMANALE E DOVE TROVARLO: QUI LA MAPPA

Ci sono le storie della città con un meraviglioso piano di rinascita per via Natta (voluto dai commercianti) con cultura, arte e musica e la storia di Baraggia (Albate) splendido Eden dimenticato.

Poi arriva Giovanni, un racconto da brividi lungo la schiena e commozione: la rinascita (grazie ai fiori) di un imprenditore.

Veganesimo sì? Veganesimo no? A confronto la storia dell’ortodossissima Marlene Veleno e l’analisi scientifica di un nutrizionista.

Sul fronte migranti, a spezzare il rituale banale di molte “verità” da Social ci pensa una famiglia di Figino Serenza, e lo fa così:

Il menù di questo numero davvero ricco di racconti prosegue con lo Chef (allievo del top degli stellati) che torna nella sua San Fermo e la giovane di Tremezzina che ha comprato il piroscafo bisbino per farne un lounge-bar dedicato a arte e spettacoli (ci vuole coraggio in entrambi i casi).

COMOZERO SETTIMANALE E DOVE TROVARLO: QUI LA MAPPA

Nello sport abbiamo la meravigliosa Greta Conti, stella comasca del Judo, pronta per la finale degli assoluti italiani. Cosa racconta? Il suo segreto, questo:

Protagonisti assoluti della cultura lo chef floreale Giò Ratti

E i magici organizzatori di Marker:

Dopo le richiestissime pagine degli appuntamenti, in chiusura, la vostra amatissima enigmistica.

Abbiamo anticipato già troppo, il resto (ed è molto) lo trovate su ComoZero settimanale, in distribuzione da stamattina:

COMOZERO SETTIMANALE E DOVE TROVARLO: QUI LA MAPPA

 

  1. Gioele

    La demagogia non muore mai. L’offerta delle case del Comune a uso foresteria alle Forze dell’Ordine non risolve il problema di ordine pubblico e mette in prima linea non solo i tutori dell’ordine ma anche e, soprattutto, le loro famiglie.
    Il motivo per cui, ormai, in zona San Rocco vivono solo cittadini stranieri è evidente a tutti. Case fatiscenti, padroni di casa che non possono finanziare ristrutturazioni, difficoltà a trovare locatari, voglia di racimolare qualcosa di più di quello che offre il mercato. Ergo, famiglie di origine straniera che abitano in case vecchie e orribili pagando ai proprietari di casa, oltre alla pigione, il “fastidio” di avere inquilini dalle origini esotiche.
    Non è sufficiente reprimere, è necessario porre le condizioni per riqualificare l’area.
    Bisogna aiutare economicamente i proprietari a ristrutturare gli edifici e a renderli appetibili al mercato residenziale. Se si visitasse Cucciago e si vedesse come, anni addietro con fondi pubblici e privati, è stato ristrutturato il centro del paese e se si leggessero un po’ meglio le disposizioni di legge in tema di riqualificazione edilizia pubblica e private ereditate dai governi della passata legislatura, si troverebbero soluzioni meno folkloristiche e più di lungo periodo……..ma si sa, chi fa proseliti alla “sagra del missoltino” con il folklore è a suo agio!

  2. COcittadino

    Apprendo con piacere che nelle forze di polizia verranno assunti cittadini immigrati con cittadinanza italiana e figli di stranieri di seconda generazione.Questa si che è integrazione!

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata