Attualità

Ok a telecamere negli asili. Amelia Locatelli: “Capisco i genitori ma la vivrei come una sconfitta”

“Capisco il punto di vista di quanti desiderano installare le telecamere negli asili ma vedo anche una sconfitta in questo, significa non poter dare piena fiducia nei confronti del personale scolastico. Personalmente ho piena fiducia negli operatori attivi negli asili della città ma comprendo anche le ragioni dei genitori”.

Così l’assessore alle Politiche Educative, Amelia Locatelli, in merito al provvedimento, approvato ieri in Commissione Sanità regionale, che propone contributi per gli istituti lombardi che volessero installare telecamere all’interno degli asili nido e delle scuole dell’infanzia. Iniziativa che poi verrebbe affiancata da campagne di sensibilizzazione e percorsi formativi mirati agli operatori del settore.

“Troppo spesso assistiamo impotenti al verificarsi di soprusi e abusi ai danni di persone inermi – sottolinea Simona Tironi, vice presidente della Commissione e relatrice del provvedimento – è nostro dovere sostenere con ogni mezzo i familiari delle vittime, che non possono essere lasciati soli a combattere questa battaglia”.

Le strutture lombarde che aderiranno al progetto verranno inserite in un apposito elenco consultabile in tempo reale sul sito della Regione e condivideranno i dati rilevati solo con le autorità giudiziarie. La proposta di Legge prevede stanziamenti di 300mila euro nel 2018, altrettanti nel 2019, per l’installazione di telecamere a circuito chiuso. Per la formazione degli operatori sono stati erogati 150mila euro nel 2018 e la stessa somma è prevista anche per il 2019.

Cifre importanti che Tironi vorrebbe raddoppiare con il consenso della Commissione Bilancio.

In sede di votazione finale a favore si sono espressi a favore i gruppi Lega, Forza Italia e Movimento 5 Stelle, astenuti Partito Democratico, Niccolò Carretta (Lombardi Civici Europeisti) ed Elisabetta Strada (Lombardi Civici Europeisti) che, pur condividendo le finalità della proposta, è contraria alle politiche che favoriscono l’installazione di telecamere.

“La prevenzione –sottolinea Emanuele Monti, presidente della Commissione Sanità  – non può essere invocata solo a parole, ma deve essere promossa anche attraverso il ricorso a strumenti concreti”.
Il provvedimento approderà in aula il 27 novembre per la votazione.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata