Attualità

Orizzonti di Gloria. D’Antuono: “Siamo come naufraghi, non possiamo non provarci”

Immaginate un cinema monosala, niente chaise longue, niente parcheggio multipiano, in una zona che è città ma non è città (e allora, “già che prendiamo la macchina, tanto vale andare al multisala più in là”). E ora aggiungete un contratto di affitto in scadenza (a maggio 2020) e la scelta: o ti compri l’immobile (per 750 mila euro) o chiudi. Roba da gettare la spugna e darsela a gambe levate.


E invece lo Spazio Gloria (non un semplice cinema), dal 2007 gestito da Arci Xanadù, ha deciso di provarci.

A marzo è infatti partita la campagna di raccolta fondi “Manchi tu nell’aria” con obiettivo 350 mila euro, quanto basta per pensare di affrontare il mutuo necessario per acquistarselo davvero, quel vecchio cinema. Ma oggi, nonostante le numerose iniziative e i grandi nomi a sostegno, l’idea di arrivare a 120 mila euro entro giugno è stata ripensata, come racconta Enzo D’Antuono, presidente di Xanadù.

Come va la raccolta fondi?
Siamo quasi a 55 mila euro.

Lontani dall’obiettivo.
Sviluppare il potenziale della campagna in soli 3 mesi era pretenzioso. Abbiamo spostato la dead line dei 120 mila euro al 31 dicembre, data in cui vorremmo firmare il compromesso per l’acquisto.

Una risposta al di sotto delle aspettative?
In realtà abbiamo ricevuto sostegno più dai non soci che dai nostri soci (circa 2500, Ndr).



Come mai?

C’è troppo tempo. Davanti a qualcosa tipo “o raccogliamo i soldi entro fine mese o chiudiamo”, probabilmente la gente avrebbe risposto più rapidamente.

In realtà il tempo non è molto. Come vi state muovendo?
Abbiamo appena incontrato nuovi potenziali sostenitori e contiamo anche sul sostegno della rete Arci, ma intanto cerchiamo di ottenere il massimo dal territorio.

Per una città come Como, pensare di salvare il Gloria non è un obiettivo impossibile.
Si parla, giustamente, del futuro del Politeama ma qui abbiamo uno spazio che esiste già ed è vivo, ma rischia di morire.

Che iniziative avete in calendario?
Ripartiamo il 7 settembre con una grande festa, “Dal tramonto all’alba”, con musica, street food e un grande ospite, la Raffaele Kholer Swing Band. Sarà una vera Campagna d’Autunno.

Una volta acquistato, ce la farete?
Nel 2007 il cinema era già in crisi ma le sue potenzialità erano evidenti. Noi facciamo cinema ma anche concerti, dibattiti, spazio per altre associazioni: il Gloria deve essere sfruttato al meglio, soprattutto al mattino. In futuro sogno anche una piazzetta al posto del parcheggio, chissà.

Siete ottimisti?

Non avere mai liquidità è dura. Siamo come dei naufraghi che imbarcano acqua e continuano a svuotare la loro barchetta. Non è questione di ottimismo o pessimismo. Semplicemente non puoi non provarci.

L’articolo che avete appena letto è stato pubblicato su ComoZero settimanale, in distribuzione ogni venerdì e sabato in tutta la città: qui la mappa dei totem.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata