Attualità

Ostaggi dei cantieri: dopo Elena (che può sperare), un’esasperata Barbara in via Colonna

Non c’è soltanto la surreale situazione raccontata da Elena Albonico, residente in una delle case di via Medici, angolo con via Corti a Como, nella città alle prese con i cantieri di ComoCalor (peraltro, notizia di queste ore, l’azienda – contattata sul caso specifico – garantisce “il ripristino della pavimentazione per il 9 gennaio, attraverso un lastrone di copertura. Per il momento verranno quindi eliminate le transenne ma solo temporaneamente. Nella zona infatti dovranno essere effettuati più avanti altri lavori”).

Da via Colonna, a Camerlata, giunge un’altra segnalazione tra il rassegnato e il furibondo.

A recapitarla in redazione, un’altra residente: Barbara Lacchini, residente al civico 29. Qui, però, se è certamente vero che il cantiere originario – tuttora segnalato da cartelli e causa di una viablità provvisoria a senso alternato che crea disagi e difficoltà – risale al 17 dicembre scorso, è altrettato doveroso segnalare che l’intervento di ComoCalor è stato concluso rapidamente.

Ma la zona è ancora un campo di battaglia, anche perché l’intervento si è intrecciato con un altro intervento del Comune di Como.

“Il disagio oramai ha preso piede e anche in Via Colonna (anche per quanto riguarda la Croce Azzurra con le ambulanze) – scrive infatti la residente – Da noi hanno messo i cartelli che avvisavano degli imminenti lavori una volta aperta la voragine e, sistemate le transenne che obbligano a entrare e uscire per il primo tratto della strada a senso alternato, gli operai non si sono più visti”.

GALLERY SFOGLIABILE

 

“La situazione che si è creata – aggiunge la residente di vi Colonna – è non solo di disagio, che ci sta se ci fossero gli operai all’opera, ma è anche di indifferenza e di menefreghismo a danni nostri sono circa 15 giorni che nessuno ci lavora!”.

La prospettiva? Arriva ancora da ComoCalor, dietro richiesta. “Il ripristino dell’asfalto dovrebbe partire da lunedì prossimo”.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata