Attualità

Palazzo Pantera, la grande incognita. Fine lavori a dicembre, poi il buio

Scalpelli e cazzuole fissi a terra dal 30 ottobre 2017. Destino storicamente beffardo quello di Palazzo Pantera le cui sorti, da anni, hanno a che fare più con l’incerto e il dubbio che con una pianificazione progettuale che ne prospetti un destino.

Il cantiere, consegnato il 27 aprile 2017 all’impresa che vinse l’appalto, non procede da mesi bloccato da una perizia di variante. La procedura, hanno spiegato più volte dal Comune, è legata “alla complessità dell’intervento dato dal tipo di struttura”. Insomma i muri sono antichi e bisogna procedere con cura.

Detto questo, dopo anni di attesa, era immaginabile che la delicatezza delle operazioni fosse stata già presa in considerazione prima della gara d’appalto.

Ora la situazione sarebbe prossima allo sblocco. “Abbiamo trovato subito il denaro necessario alla variante, 25mila euro”, spiega l’assessore ai Lavori Pubblici, Vincenzo Bella.

Con la benedizione finanziaria l’iter è stato avviato. “La perizia è conclusa ora è in mano a progettista e Sovrintendenza per le validazioni finali, i lavori saranno conclusi con la fine dell’anno”. Insomma, qualcosa si muove.

Ma dopo, quale destino per l’edificio? “Bella domanda – dice l’assessore – al momento non saprei cosa rispondere, io non sono per la distribuzione e lo sparpagliamento degli uffici pubblici quindi personalmente escluderei quest’opzione”. Alternative? “Non ne abbiamo ancora parlato in giunta, intanto c’è la messa in sicurezza”.

Insomma, se qualcuno ha idee, si faccia avanti.

 

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata