Attualità

Paratie, vertice Regione-Comune: 3 anni e 13 milioni per riavere il lungolago

Le prime tavole di aggiornamento del progetto delle paratie sono state presentate da Regione Lombardia e Infrastrutture Lombarde al Comune di Como nell’incontro informale che si è tenuto questa mattina. E nel contempo sono arrivate conferma su tempi e costi stimati per il completamento del cantiere-calvario, iniziato nel gennaio 2008.

Sul fronte del cronoprogramma, la road map prevede di bandire la gara d’appalto entro la fine del 2018. Sarà necessaria una procedura di carattere europeo, dunque vanno stimati almeno 6 mesi di tempo per arrivare all’aggiudicazione (facendo gli scongiuri, naturalmente, sui sempre possibili ricorsi al Tar). Salvo imprevisti, dunque, la prospettiva ottimistica vedrebbe iniziare il cantiere entro l’autunno 2019, per un cantiere di 2 anni. Se così andassero le cose – ma il lungolago, come noto, non c’è mai da star sicuri – la passeggiata nella sua versione definitiva (con le famose barriere manuali contro le esondazioni) sarebbe inaugurabile per il 2021. Si vedrà, insomma.

Sul versante dei costi, invece, cifre precise al dettaglio non ne sono emerse. Ma la quantificazione generale della spesa necessaria per arrivare al taglio del nastro è attorno ai 12-13 milioni di euro (soldi che saranno messi tutti dalla Regione e che in parte sono già accantonati allo scopo).

Tornando all’incontro di questa mattina, hanno partecipato l’Assessore regionale agli Enti Locali, Montagna e piccoli Comuni Massimo Sertori, anche in rappresentanza dell’Assessore regionale al territorio, Urbanistica e Protezione Civile Pietro Foroni, l’assessore Comunale alle Reti, Acque e Strade Vincenzo Bella, oltre al Direttore di Infrastrutture Lombarde Guido Bonomelli, accompagnato dal responsabile del procedimento Alessandro Caloisi e dal direttore dei Lavori Rosario Cirrelli, al Vice Direttore della direzione regionale al Territorio e Protezione Civile Dario Fossati e al direttore della Unità di crisi regionale Paolo Baccolo.

L’incontro, come detto, ha avuto lo scopo di informare l’Amministrazione comunale sul lavoro che dall’inizio dell’anno stanno svolgendo gli ingegneri di Infrastrutture Lombarde per aggiornare, sia dal punto di vista tecnico che dal punto di vista delle modalità di gestione del cantiere, il progetto complessivo che permetterà, dopo lo svolgimento di una gara d’appalto, di completare definitivamente il cantiere delle paratie.

Infatti, pur a fronte degli importanti lavori di riqualificazione e riapertura di tutto il lungolago che sono stati realizzati da Regione Lombardia e da Infrastrutture Lombarde nel corso del 2018, sono ancora presenti sul lungolago tratti su cui è necessario intervenire, così come altri in cui le opere sono state iniziate e non completate.

“Quello di oggi – dichiara l’Assessore regionale Massimo Sertori – è stato un incontro informale e interlocutorio, che ci è però servito per mettere meglio a fuoco i contenuti e le modalità dell’incontro istituzionale che avverrà nelle prossime settimane. In quella sede ufficialmente Regione Lombardia presenterà all’Amministrazione Comunale e alla città il percorso definitivo che permetterà di completare questa opera, così difficile e controversa, e che da troppo tempo sta impegnando il tratto più prezioso del lungolago di Como”. “Finalmente, e direi per la prima volta dopo anni, è tornato un dialogo sereno e costruttivo tra Regione e Comune – ha aggiunto il presidente del consiglio regionale, Alessandro Fermi – La sensazione è che in questo clima ci siano davvero tutte le premesse per concludere i lavori e sanare la ferita”.

Le linee guida presentate da Infrastrutture Lombarde in questo incontro sono orientate a garantire la massima efficienza idraulica delle opere finalizzate alla difesa della Città di Como dalle esondazioni del lago, a completare il cantiere attraverso una rigorosa e attenta sistemazione architettonica superficiale dell’intera area, a semplificarne e asciugarne i contenuti in modo da ridurre il più possibile la durata e i costi del progetto.

All’incontro ha fatto seguito un momento istituzionale dove i tecnici di Regione Lombardia e l’Assessore Massimo Sertori si sono confrontati sul tema delle paratie con il sindaco Mario Landriscina, il vicesindaco  Alessandra Locatelli, i rappresentanti del territorio in Regione Lombardia: il Presidente del Consiglio regionale Alessandro Fermi e il sottosegretario Fabrizio Turba.

(fonte Comune di Como)

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata