Attualità

Piazza De Gasperi, per sfuggire al coprifuoco ecco il progetto dei dehors anti rumore

Dopo un’altra estate trascorsa tra silenzio e polemiche in piazza De Gasperi, al centro della ben nota battaglia legale che si è conclusa con la sentenza che impone il silenzio ai locali (per quanto riguarda i tavolini esterni) alle 23, forse qualcosa si sta muovendo.

In questi giorni è stato infatti depositato in Comune il progetto dei celeberrimi dehors fonoassorbenti che, come ampiamente anticipato da ComoZero, era stato già presentato a gennaio nel corso di un incontro informale tra l’assessore Marco Butti, alcuni gestori dei locali della piazza e l’architetto incaricato.

PER APPROFONDIRE
IMMAGINI Piazza De Gasperi: contro il coprifuoco ecco i dehors fonoassorbenti

Questa soluzione, nelle intenzioni di progettisti e committenti, dovrebbe riuscire a ridurre il rumore prodotto dai clienti seduti ai tavolini della piazza nella speranza di migliorare la convivenza con il vicinato e, chissà, ottenere una proroga all’orario imposto dalla sentenza.

GALLERY-SFOGLIA

“Abbiamo già iniziato il percorso di analisi con gli uffici competenti – spiega l’assessore Butti – tenendo anche presenti le indicazioni fornite dalla Soprintendenza. Contiamo di dare un riscontro al più presto anche se, ovviamente, anche a dehors approvato, resta valida la sentenza del Tribunale che impone il silenzio alle 23”.

E, parlando di piazza De Gasperi, Butti ci tiene a precisare di avere sul tavolo anche un altro problema segnalato durante l’estate da clienti e gestori dei locali, quello della motonave Bisbino ormeggiata proprio lì di fronte che impedisce la vista del lago a chi è seduto ai tavolini.

“Stiamo lavorando attivamente con la Navigazione per trovare una soluzione e già entro le prossime settimane speriamo di riuscire a ottenere lo spostamento del battello a un altro pontile in modo da restituire la vista del lago a chi frequenta la piazza”.

PER APPROFONDIRE
Piazza De Gasperi, la beffa è doppia: dopo il coprifuoco, la motonave-muro davanti al lago

  1. Comino

    Soliti rendering fasulli: i pedaló non ci sono più!
    Ma questa proposta non era già stata bocciata??

  2. Benita Fumagalli

    Il lago di Como non è una pozzanghera ….. : si sente proprio la necessità di vedere quel tratto di lago nascosto dalla motonave ??
    Ma il proprietario del locale potrebbe trarne vantaggio , facendo pagare un supplemento a chi ha la fortuna di avere la sedia in una posizione ” vista-lago” !!

  3. giorgio

    Come privatizzare una piazza..

    Per farvi un’idea, guardare piazza Mazzini, dove vari locali si sono impossessati di spazio pubblico con strutture solo teoricamente removibili: chi è mai riuscito a vedere la facciata del lato sud?
    Da sempre coperta da strutture brutte, pure diverse tra loro, ad esclusivo uso privato.

  4. Luisa Corti

    Chi va a bere (ed a ubriacarsi a volte) sino a tardi non interessa vedere il lago o la montagna ma solo il fondo del bicchiere)…I tanti favorevoli è perchè non hanno locali sotto la loro abitazione altrimenti sarebbero i primi a chiamare i vigili.

  5. Carlo B

    Finalmente, Si sentiva la mancanza di un bel articolo che perorasse la causa dei ristoratori di piazza De Gasperi (sto scherzando Caso&Cantoni 😜)
    Le motonavi sostano li da tempo immemore, ben prima della trasformazione in area ristorante di piazza De Gasperi, come anche alcuni aliscafi, ed il battello spazzino, sostano in fondo a viale geno, togliendo ovviamente visuale del lago a chi si siede sulle panchine , già ma li gratuitamente, se comunque la Navigazione trovasse la possibilità di spostarle ovviamente tutti felici

    Da saltuario frequentatore di quei tavolini segnalo ulteriori possibili upgrade:
    A) Pavimentare la piazza togliendo quegli orribili ciottolini appuntiti “Gerosa Style”
    B) Impedire ai soliti arrogantelli, spesso ben conosciuti e trattati in modo amichevole dai gestori, di parcheggiare proprio davanti ai tavolini le loro auto, spesso mastodontici SUV, anch’essi tolgono visuale del lago, oltre ad essere in evidente divieto di sosta
    C) Presentare mozione per far diventare Piazza Alcide De Gasperi, morto 65 anni fa e ormai sconosciuto ai più, in Piazza famiglia Giuliani
    C) E già che ci siamo, perché non battersi per rendere pedonale tutta viale Geno?
    Che bello sarebbe, e quanti articoli si potrebbero pubblicare

  6. Libero

    Non si deve permettere l’installazione di strutture fisse, la piazzetta è pubblica e non dei ristoratori….
    E la smettano di lamentarsi, quando hanno acquisito l’attivita’ nessuno ha garantito loro la fruibilità della piazzetta….

    • giorgio

      Anzi!
      Era ben peggio: zero posti fuori, niente tavolini.

      Già ora (con coprifuoco alle 23) è molto meglio di allora, eppure continue lamentele..

  7. Gioele

    Questa Amministrazione è strana. Sta inanellando una serie incredibile di figuracce, l’altro giorno lo smarrimento della posta “protocollata”, qualche mese fa le tende dell’Asilo Sant’Elia, ecc. ecc.
    Quando però deve affrontare un problema che riguarda i profitti degli “esercenti”, cambia tutto. Diventa zelante, proattiva, disponibile……a volte quasi fantozziana. Signore, le sposto io la ciclabile così i suoi clienti fanno meno fatica a trovare parcheggio. Signore, troviamo noi una soluzione per la ZTL. Signore, le faccio spostare io il battello che impedisce ai suoi clienti di vedere il panorama; Signore, basta sfregare la lampada che Assessore But-Jinn provvede!
    Forti con i deboli ma, soprattutto, sempre più deboli con i forti.

  8. periferico

    su uno spazio pubblico e centrale non vedo la necessità di realizzare simili strutture, tra l’altro brutte e che vedono magari come passo successivo una bella chiusura in vetro su tutti i lati. a questo punto che le realizzino a ridosso dei locali stessi liberando la piazza centrale da tutti i tavolini.

  9. Nikita

    Non si rimedia all’errore di fondo, quello di aver di fatto privatizzato un’intera piazza, con l’installazione di tettoie fonoassorbenti. A queste seguiranno immancabilmente le protezioni laterali trasparenti, cancellando definitivamente il carattere del suolo pubblico e trasformandolo in ampliamento permanente dell’esercizio commerciale.

  10. No, piazza de Gasperi resti pubblica! I signori giuliani potrebbero vedere un giorno revocata la loro autorizzazione come anche gli altri esercenti..ringraziamento a vita alla signora gerosa che ha diversamente destinato la piazza come ha ben “sistemato” piazza Roma facendo fiorire nuove attività

    • giorgio

      Cioè meglio prima?

  11. Pip

    speriamo che il meteorite estingua i comaschi

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata