Attualità

Piazza Roma, le aiuole sono un parcheggio. La foto-sepolcro di annunci, slogan, bugie

Ormai siamo oggettivamente alla farsa.

Di piazza Roma, nel pezzo di cuore sfortunato di Como, s’è detto di tutto negli ultimi 7 anni: si è applaudita e si è contestata l’inclusione nella Ztl operata dalla giunta Lucini nel 2013, si è applaudita e contestata la (mezza) riqualificazione avvenuta poco dopo, si sono documentati la serie di chiusure di attività commerciali, i lodevoli tentativi di chi resiste nonostante tutto e di chi addirittura vi ha aperto nuovi locali, si sono riportati gli annunci da campagna elettorale (finiti nel nulla) di riportavi i parcheggi blu della giunta Landriscina, si è dato conto del nulla seguito a quegli slogan, si è votata in consiglio una mozione che dovrebbe togliere la massa di pullman turistici (a cui per ora non è seguito nulla di concreto), si è dato conto del degrado che affligge la zona.

Insomma, di tutto, di più. Uguale a zero, però. E la foto che ci arriva da una lettrice è impietosa nella sua semplicità.

In attesa che qualcuno, di qualsisi colore sia, dia un senso o almeno una prospettiva a un luogo che oggi non è né carne né pesce, le aiuole in ghiaietto che sarebbero dovute diventare i simboli della vita al posto del parcheggione si presentano come…un parcheggio. Ma selvaggio, senza regole.

L’immagine plastica di un fallimento trasversale, insomma.

  1. Carlo B

    Il principale fallimento é della nostra amministrazione che non riesce (o non vuole) far rispettare le regole, gli episodi quotidiani di parcheggi abusivi in centro storico, o di ingresso nella ZTL ad ogni ora ed in ogni dove, addirittura furgoni che entrano bellamente in area pedonale, si contano a decine e decine.
    Qui non si tratta di carne o di pesce, qui siamo alla frutta delle capacità di dirigenti e amministratori, l’anarchia regna nella città di Como

    • Comino

      Sottoscrivo.

  2. Libero

    Attenzione a dar contro ai dirigenti pubblici! È subito pronta l’accusa di qualunquismo strano che la “paladina” dei “pubblici fannulloni” non sia ancora intervenuta a difesa della categoria.

  3. Dado

    Posteggiare su strisce blu con ticket scaduto= multa garantita
    Posteggiare sotto cartelli di rimozione forzata= impunità garantita
    In centro come in periferia.
    +Vigili in strada!

  4. Sergio Gaddi

    Finalmente! Le macchine che si riprendono lo spazio a loro destinato è la riscossa della ragione. E se è divieto ancora meglio.

    • Mario

      Commento degno del personaggio e della sua parte politica.
      Spero che “gli abbondini” le diano una bella multa nel caso andasse anche lei a parcheggiare in zona vietata.

    • La sua bella provocazione periodica l’ha fatta ma poteva sciegliersi un tema migliore. Anche perchè lo spazio è (sarebbe stato) destinato fino a scadenza dell’attuale giunta poi non è dato sapere. Io spero che qualcuno poi lo destini a qualcosa di più bello e meno inquinante di uno stallo per auto..

  5. Rossana

    È vero, chi parcheggia in divieto di sosta non viene quasi mai multato, mentre gli ausiliari della sosta non perdonano sulle strisce blu.

    • Comino

      Qualche anno fa gli ausiliari avevano esplicita delega anche per i divieti in generale, è ancora così o effettivamente possono solo verificare i passanti delle strisce blu?

      • la prima o al massimo se qualcuno parcheggia di fianco (senza strisce) a un parcheggio blu

  6. Realini

    Sarebbe interessante sapere nel 2019 il numero delle multe fatte dagli ausiliari e il numero di quelle fatte dalla polizia locale.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata