Attualità

Piccola rivoluzione: bagno robot per i giardini di Piazza del Popolo. Partito il cantiere

In attesa dell’arrivo, a fine maggio, dei nuovi giochi inclusivi donati alla città da Kiwanis e Lions Host (avevamo raccontato in anteprima il progetto a settembre dell’anno scorso), qualcosa già si muove nel frequentatissimo parco giochi di Piazza del Popolo.

 

PER APPROFONDIRE
Piazza del Popolo, nasce il primo giardino aperto a tutti: giochi e spazi per bimbi disabili

Da stamattina, infatti, l’area alle spalle del chiosco è stata transennata e, tra carriole, sabbia e mattoni, è facile intuire che qualcosa sta per accadere.

“Da oggi è iniziato il cantiere per collocare i nuovi servizi igienici – spiega l’assessore ai Parchi e Giardini Marco Galli – Inizieremo occupandoci dei sottoservizi e dell’allacciamento alle fognature per arrivare, dopo Pasqua, all’installazione vera e propria dei bagni”.
I tempi? “Se tutto procede come da programma, dovrebbero essere pronti per il 25 maggio”, promette Galli. In tempo, quindi, per essere utilizzati dalle tante persone attese per la tappa del Giro d’Italia ma, soprattutto, dai frequentatori del parco giochi.

E se già l’apertura di bagni pubblici a Como è di per sé una notizia, lo è ancor di più la tipologia di servizi che verranno collocati qui.
Non si tratta, infatti, dei classici bagni a cui siamo abituati, che necessitano di pulizia e sorveglianza pressoché continui, si vedano gli esempi di via Vittorio Emanuele e (si spera) di piazza Martinelli, bensì di bagni di nuova generazione, prefabbricati autopulenti.

A ogni utilizzo, infatti, il servizio viene automaticamente lavato, disinfettato e asciugato fino a un’altezza di 80 cm e interamente disinfettato almeno una volta al giorno.

  1. adriano

    molto bene,una bella notizia!

  2. Roberta

    Tutto bene, però non si può fare a meno di notare che, in funzione del passaggio del Giro d ‘italia, si muove una serie di iniziative, cantieri, asfaltature ecc, mentre finora si notava prevalente immobilismo: quindi quando si vuole i soldi si trovano. E le case popolari fatiscenti di via Spartaco, per esempio? Non è un intervento altrettanto urgente?

  3. Bruno

    Hanno i soldi…tassa di soggiorno… per poter mettere molti servizi in giro per la città…ma come si sa gli amministratori non brillano certo per tempestività e solerzia..tanto se non trovi i servizi vai al bar..così la pensano

Rispondi a adriano Annulla risposta

la tua mail non sarà pubblicata