Attualità

Piccolo miracolo al camposanto: dopo settimane di polemiche lavori al via

E’ stato uno dei temi di questi mesi, lo stato di degrado dei cimiteri cittadini ha animato le cronache estive tra denunce e fotosegnalazioni arrivate da consiglieri comunali e cittadini.

Non è storia di oggi, la cronica assenza di personale da anni mette in ginocchio la manutenzione nei nove camposanti cittadini.

DEGRADO NEI CIMITERI TUTTE LE CRONACHE

Tra erbacce, viali sconnessi, ghiaia a chiazze (con seri rischi per la deambulazione, soprattutto degli anziani) e condizioni generali di abbandono la situazione è oggettivamente arrivata al limite.

Stamattina però, senza annunci né proclami ecco che un’azienda è comparsa al Cimitero Monumentale di Como, al via le operazioni di diserbo e sistemazione della ghiaia, una volta finite la ditta si sposterà negli altri camposanti della città.

Sono stati gli assessori al Personale, Elena Negretti e all’Edilizia Pubblica Vincenzo Bella (nonostante questa non comprenda i Cimiteri che sono appannaggio di Francesco Pettignano) a trovare il piccolo uovo di Colombo.

Fra le righe di un appalto assegnato a un’impresa che si occupa di manutenzione generale per contro di Palazzo Cernezzi è emerso come nulla escludesse un intervento cimiteriale. Che così è partito.

Lavori in programma almeno per tutta la settimana.

EDIT 18.00
Successivamente alle diverse notizie pubblicate oggi è arrivata una nota del Pd.

“Non è la prima volta che lo notiamo: in Giunta non si parlano tra di loro. E così anche sui cimiteri, gli assessori Negretti e Bella danno per trovata una soluzione. Pettignano dice che sostanzialmente non c’è. Che si decidano”, lo fanno notare Stefano Fanetti e Gabriele Guarisco, capogruppo e consigliere comunali del Pd, dopo che in poche ore i tre assessori comaschi hanno fatto dichiarazioni contrastanti tra loro.

“Leggiamo che Negretti e Bella hanno optato optato per utilizzare un’impresa che già si occupa di manutenzioni per il Comune anche per i cimiteri – incalzano gli esponenti Pd –. Ma d’altra parte, su altro organo di stampa, Pettignano boccia la soluzione prospettata dai due colleghi e appoggiata anche dal sindaco, e dice che non ci sono soluzioni immediate e che tutto è rinviato a settembre quando verranno assunte alcune persone, ma i tempi non sono brevi”.

Intanto, sottolineano ancora Fanetti e Guarisco, “i cimiteri sono allo sbando, i cittadini sono furiosi, il degrado è alle stelle. Lo abbiamo sempre detto, con Lucini sindaco, che la gestione dei camposanti non era una passeggiata. All’epoca ci dileggiavano, ma riuscivamo, anche grazie ai volontari, a mantenere almeno una situazione dignitosa. Ora, Landriscina e i suoi non solo non vogliano l’aiuto di chicchessia, ma non sanno nemmeno uscire da questo triste impasse”.

 

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata