Attualità

Ponte Chiasso, Monte OIimpino, Tavernola e Sagnino: arriva la marcia dei quartieri. “Vogliamo più bus”

Como non è solo il centro. E’ quartieri, comunità indipendenti, paesi dentro la città. In molti, spesso, sembrano dimenticarsene.

Trent’anni di solitudine: il grido di Ponte Chiasso. Tra tir e smog, assedio permanente

A ricordare questa realtà alle istituzioni domenica 6 ottobre saranno i cittadini dei quartieri a Nord di Como: Ponte Chiasso, Monte Olimpino, Tavernola e Sagnino. L’Assemblea di Zona Como Nord infatti organizza una camminata per promuovere l’utilizzo dei mezzi pubblici e per sollecitare Asf Autolinee e Comune di Como all’ampliamento delle corse della Linea 11, con il conseguente spostamento del capolinea a Ponte Chiasso. L’obiettivo? Ricollegare i quartieri.

“Il problema principale è che fino all’inizio degli anni Duemila esistevano tre linee di autobus fino a Ponte Chiasso e in particolare c’era la Linea 11 che serviva i quartieri – spiega la referente Controllo di vicinato di Ponte Chiasso Maririta Berti – Poi ad un certo punto lo hanno tolto senza spiegarne la motivazione. Quindi oggi se qualcuno si deve spostare ad esempio da Ponte Chiasso a Tavernola o viceversa, ci impiega un’ora e mezza malgrado la distanza sia di dieci minuti”.

In sostanza il problema è che i quartieri non sono collegati tra loro dai mezzi pubblici e chi si sposta deve obbligatoriamente prendere più di un mezzo. “E’ un disagio anche e soprattutto per i pendolari che sono obbligati ad arrivare a Ponte Chiasso con l’auto (dove per inciso mancano i parcheggi) e poi prendere il treno verso la Svizzera o verso Milano” aggiunge la referente.

“La Linea 11 è un servizio necessario” è lo slogan che campeggia sulla locandina dell’evento. Le partenze, alle 10, sono fissate da piazzale Anna Frank a Ponte Chiasso e da piazzale del Gran Mercato a Tavernola. L’arrivo è invece previsto a Sagnino al piazzale dell’oratorio dove si terrà l’animazione organizzata da Unicef. Un primo passo verso questi cittadini Asf Autolinee lo ha già fatto: il biglietto del bus di ritorno ai diversi quartieri di residenza sarà gratuito, offerto dalla società.

  1. Donata Brunelli

    Importante è anche garantire corse fino a tardi, per poter arrivare e tornare dal centro, senza utilizzare l’auto.

  2. Benita Fumagalli

    Non è un argomento che mi interessi da vicino , però ciò che è certo è che se si vuole eliminare o quantomeno diminuire il numero delle macchine in circolazione , facendo utilizzare i mezzi pubblici , è necessario che questi ultimi esistano ed offrano un servizio che sia veramente cònsono alle esigenze degli utenti .

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata