Attualità

Propazina nelle acque di Colverde e Grandate, Legambiente: “Subito controlli straordinari”

Legambiente chiede una campagna straordinaria di campionamento e analisi delle acque per capire la reale presenza di diserbanti ed altri pesticidi in tutti i pozzi della provincia. Una richiesta che nasce, come scrive la stessa associazione in una nota ufficiale, per il rivenimento di “concentrazioni non conformi di propazina nell’acqua ad uso potabile distribuita in due diversi comuni della provincia di Como, Colverde e Grandate, con il conseguente divieto d’uso e disagio nella popolazione interessata”.

Di seguito la nota integrale di Legambiente.

Nel comune di Colverde l’emergenza è stata dichiarata superata dopo alcuni giorni a seguito di nuove analisi, ma non risulta siano state spiegate le possibili cause dell’evento, che quindi potrebbe ripresentarsi. La propazina è un diserbante selettivo usato in agricoltura contro le graminacee e probabilmente anche come erbicida per altri scopi e in letteratura è citato, come altre triazine, come possibile inquinante delle acque sotterranee.

In base alla classificazione CE (CLP n. 1272/2008) si tratta di sostanza “molto tossica per gli organismi acquatici” e “sospettata di provocare il cancro”, ovviamente per esposizione a dosi significative per tempi prolungati.

Dalle notizie riportate dalla stampa sembra di capire che entrambi i casi siano emersi a seguito di campionamenti a cura dell’ente gestore degli acquedotti e non dal monitoraggio ufficiale di ATS lungo la rete o di ARPA nella falda sotterranea. Si tratterebbe quindi di riscontri occasionali, non rientrando la ricerca dei pesticidi nei controlli periodici di breve frequenza eseguiti abitualmente dai gestori degli acquedotti.

Non sarebbe quindi possibile stabilire da quanto tempo l’acqua distribuita fosse già contaminata e di conseguenza ipotizzare e quantificare possibili effetti sanitari sulla popolazione.

Questa situazione ha creato un certo allarme non solo tra i cittadini interessati ma tra tutti coloro che anche nelle zone vicine utilizzano l’acqua di falda per il consumo umano. Utilizzo che la associazione scrivente consiglia di incrementare, anche per ridurre l’antiecologico consumo di acqua in contenitori di plastica.

È quindi necessario a nostro avviso che ATS, ARPA e gestori pubblichino la serie storica dei controlli eseguiti sul territorio in base alle rispettive competenze evidenziando se e quando sono stati cercati e analizzati in passato pesticidi nell’acqua e con quali esiti.

Per quanto riguarda l’aspetto più generale di tipo conoscitivo e preventivo, vista la vicinanza temporale e geografica dei due episodi riteniamo altresì necessario che venga eseguita una campagna straordinaria di campionamento ed analisi per la ricerca di diserbanti ed altri pesticidi in tutti i pozzi della provincia.

La ricerca si rende necessaria anche sulla base dei rapporti di ISPRA degli ultimi anni che mostrano la presenza di pesticidi tossici nelle acque superficiali dei torrenti Cosia e Breggia, a dimostrazione che di queste sostanze si fa un uso scorretto nella nostra Provincia, con possibili rischi di infiltrazione anche nelle falde sotterranee.

Riteniamo necessario, infine, che gli enti interessati incrementino l’attività di prevenzione e vigilanza di propria competenza, dandone opportuna informazione, con particolare riferimento a:

• Corretta distribuzione, deposito, vendita, utilizzo e smaltimento di pesticidi e stima dei quantitativi in circolazione
• Corretta gestione delle reti e dei pozzi di approvvigionamento idrico con particolare attenzione alla separazione delle falde profonde dalle falde superficiali e alla protezione delle fasce di rispetto delle fonti.

Tutto ciò con l’obiettivo di preservare questo bene prezioso che purtroppo in passato in varie parti della nostra Provincia è già stato interessato da gravi episodi di inquinamento chimico (trielina, percloroetilene, cromo, bromacile, farmaci, nitrati…) costringendo a chiudere pozzi o ad adottare costosi interventi per poterne nuovamente fruire.

Per Legambiente Circolo Angelo Vassallo, Como

Dott. Enzo Tiso

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata