Attualità

Sagnino, progetto per una rivoluzione: liceo sportivo in via Ferabosco

Un’idea che (al netto di doverosi passaggi amministrativi) potrebbe rimodellare completamente il tessuto e l’assetto sociale di un quartiere. Un progetto discusso per mesi, più o meno segretamente, fra le stanze del Comune e Sagnino.

Il quartiere che sovrasta lago e città potrebbe ospitare il primo Liceo Sportivo (privato ma con funzioni pubbliche) di Como. E’ stata una società specializzata, tra l’altro, in servizi di miglioramento energetici a presentare – al momento in via informale – l’ipotesi all’amministrazione.

La piccola rivoluzione investirebbe l’edificio comunale di via Ferabosco (le ex scuole), oggi sede, tra i diversi servizi, della storica Cooperativa Sociolario attiva da quasi trent’anni nella lotta all’emarginazione sociale attraverso la formazione all’autonomia e all’inclusione sociale per persone adulte con disabilità.

Le condizioni della struttura, è noto, sono drammatiche da tempo. L’azienda si è offerta di riqualificare l’intero stabile, la palestra, i campi da basket e calcio. In cambio di una concessione ventennale, necessaria per l’apertura dell’istituto superiore, rimarrebbero (al netto delle necessità scolastiche) libero uso degli impianti sportivi per l’oratorio e tutte le realtà sociali del quartiere.

Per la Cooperativa (che al momento ha in concessione parte dei locali per altri otto anni) sono stati prospettati due scenari. Il primo prevede la ristrutturazione completa, all’interno della stessa area, di un edificio che verrebbe dato in concessione (così come l’uso degli impianti sportivi). La seconda prevederebbe la riqualificazione (sempre a carico dell’impresa) di alcuni spazi comunali di via Del Doss.

Le trattative sono in corso ma pare che i punti di intesa – tra Sociolario e l’assessore allo Sport Marco Galli – si stiano trovando. In questi mesi inoltre amministrazione e privati hanno promosso diversi incontri con le realtà del quartiere.

In caso di via libera il progetto verrà depositato a Palazzo. Lo schema ipotizzato è quello del Project Financing. Iter tradizionale, il primo punto è valutare l’interesse pubblico dell’operazione con  passaggio in giunta, in commissione e in consiglio. Se ogni step verrà superato il Comune indirà una gara. Facile immaginare che a quel punto l’impresa giocherà qualche ulteriore jolly in fase di presentazione dei progetti definitivi.

  1. Francesca Cola

    Fantastico ma… attenzione, fortunatamente non sarà il primo liceo sportivo in città!
    Casnati e Canossiane hanno già da tempo firmato la convenzione Coni Cip Miur per gli istituti paritari e stanno lavorando benissimo con i nostri giovani sportivi 😉
    Francesca Cola
    Coni Lombardia

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata