Attualità

Scudo, lancia e corno: i Celti rivivono in Spina Verde e festeggiano il Solstizio d’inverno

Tutte le foto in questo articolo per concessione di Carlo Pedraglio/Gruppo Archeologico Comasco “Ulisse Buzzi”

Nell’antichità, per innumerevoli culture, il Solstizio d’inverno rappresentava un momento mistico in cui le giornate tornavano ad allungarsi, il clima a riscaldarsi e la morsa del gelo dell’inverno si stava finalmente per sciogliere.

Un giorno da festeggiare, insomma.

Oggi (e specie alle nostre latitutdini) il 21 dicembre è spesso solo una data sul calendario. Ma non per il Gruppo Archeologico Comasco “Ulisse Buzzi” che anche quest’anno, secondo tradizione, ha organizzato i festeggiamenti per salutare l’arrivo della luce, nel parco Spina Verde, nei pressi della fonte Mojenca.

Presenza che non poteva passare inosservata è stata quella dei rievocatori del Clan “Teuta Briva”, appassionati di storia specializzati nella ricostruzione storica di età celtica.

Come è possibile vedere dalle foto, non sono quindi mancati costumi dell’epoca, pellicce, mantelli, corni, scudi e lance.

Durante l’evento si è anche tenuta l’accensione rituale di un fuoco a simboleggiare il ritorno della luce, dopo la fine dell’inverno.

Si legge dal sito dell’associazione Teuta Briva:

Noi siamo Teuta Briva, il Popolo dei Ponti! Siamo un clan, una vera famiglia che cammina, gioca, si diverte e cresce in un mondo moderno ma rinnovando le sue solide basi antiche.

Facciamo attività di divulgazione storica sulle attività, gli usi ed i costumi delle civiltà Celtiche e Protoceltiche della zona del Ticino, nostre amate acque e nostri amati boschi.

Insegnamo l’arte della spada, lo spirito creativo e la comunione con il mondo sottile.

Come i nostri Avi ringraziamo per il sole e la luna, per gli incontri, per la comunione dello stare insieme, per il canto degli uccelli e delle acque, per la vita che ci hanno trasmesso e per i legami ed i ponti che saremo in grado di creare.

La fonte della Mojenca, infatti, è una struttura proto-storica costruita a mo’ di galleria della lunghezza di circa 18 metri, legata alla civiltà dei Celti di Golasecca dove veniva praticato il culto delle acque tramite la deposizione di offerte votive.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata