Attualità

Ticosa, bonifica da 6 milioni. Fine cantiere entro il 2022. Landriscina: “Chiudiamo questa ferita senza cicatrici”

Saranno necessari 6,3 milioni di euro per procedere alla bonifica della cella 3 dell’area Ticosa.

Questo è quanto annunciato dal sindaco di Como, Mario Landriscina e dall’assessore all’Ambiente, Marco Galli oggi, durante una conferenza stampa convocata a Palazzo Cernezzi.

“Siamo finalmente felici di poter dire di essere vicini alla chiusura di una ferita aperta – ha esordito il sindaco – ma non solo: stiamo lavorando affinché non rimanga cicatrice”.

Fuor di metafora, il geologo del Comune, Ennio Grillo ha presentato il piano di bonifica della Cella 3 con due operazioni fondamentali parallele.

Una prima parte dei lavori richiederà lo sbancamento e la rimozione di 12mila metri cubi di terreno inquinato principalmente da residui di amianto. L’operazione richiederà circa 5 milioni del monte fondi totale.

“Il cronoprogramma prevede una gara d’appalto europea che potrà essere conclusa nei primi mesi del 2020 – ha spiegato Grillo – con l’inizio dei lavori previsto per la primavera-estate dello stesso anno e della durata di 14 mesi circa. La conclusione è prevista per l’inizio del 2022”.

I tempi relativamente dilatati, ha spiegato Grillo, dipendono dai “criteri garantisti” imposti da una gara di tale mole.

Per quanto riguarda le acque inquinate all’interno della cella 3, la procedura parrebbe essere più snella. “Eseguiremo un monitoraggio delle acque ogni due mesi per due anni consecutivi. Nel caso in cui i livelli di inquinanti siano fuori norma al settimo o ottavo monitoraggio disporremo il filtraggio e scarico dell’acqua depurata in loco. Il monitoraggio richiederà circa 90mila euro”.

Il cronoprogramma della bonifica idrica prevede un’ultimazione dei lavori per gli ultimi mesi del 2022, successiva al termine delle operazioni parallele di sbancamento del terreno

L’annuncio delle operazioni di bonifica ha sollevato diverse domande sul destino ultimo dell’area.

Rimane certa l’apertura di un parcheggio di circa 70 posti nel lotto antistante la Santarella, non interessato dalla bonifica e operativo, indicativamente, dalla primavera 2020.

“Realizzare un parcheggio di 300 posti all’interno dell’area avrebbe richiesto 1,5 milioni di euro dalle tasche dei contribuenti che si sarebbero aggiunti a quelli già necessari e onestamente non ci andava – ha commentato Landriscina – il parcheggio da 70 posti  sarà a tariffa calmierata per poter incoraggiare un utilizzo misto di auto e mezzi pubblici”.

Alcune domande hanno riguardato la possibilità di spostare gli uffici comunali proprio nell’area Ticosa, ipotesi già presentata in passato.

“C’è un ipotesi di lavoro che non è verità assoluta. L’idea ci piacerebbe. I dipendenti comunali si meritano un edificio a norma. Portare lì gli uffici non è il vangelo però. Ribadisco, tuttavia, che l’area sarà a disposizione pubblica” ha risposto, cauto, il sindaco.

L’assessore Galli, che si è detto felice di poter annunciare il piano di bonifica, ha chiuso la conferenza ribadendo l’importanza degli ultimi sviluppi e il potenziale dei fondi stanziati per lo svolgimento delle opere: “Mi permetto di dire che dopo 35 anni, sono soldi ben spesi. La città merita di potersi riappropriare di uno spazio importante per dimensioni e per accesso. Poter iniziare un percorso di riqualifica è un passo importante”. 

 

  1. Senza troppa fanfara, bello sentir finalmente questo annuncio sulla ticosa!
    Se realizzato sarebbe ottimo per Como.
    Ora è molto difficile fare appalti, al minimo errore si incorre in sanzioni, la prudenza è sempre tanta. Speriamo si ricordino dei giardini a lago, mini golf e wc pubblici in zona

  2. Interessante. La fine dei lavori è prevista per l’inizio del 2022. Un paio di mesi di ritardo (e ci stanno…) e può essere un’ottima pietanza da portare calda agli elettori per le Amministrative di maggio 2022. Vedo che anche il “buon” Sindaco ha capito che la memoria degli elettori è corta e per allora gli imbarazzanti fallimenti visti fino a oggi saranno un lontano ricordo. Quelli visti fino a oggi ma per quelli che verranno come la mettiamo??

  3. Leopold Bloom

    90.000 euro a posto macchina. Non aggiungo altro. Pensa che siamo tutti imbecilli ?

    • giorgio

      La bonifica va fatta a prescindere.

      Il ricavarci poi posti auto temporanei è un’altra questione, che richiede un intervento apposito di cui però non ricordo il costo (forse 300 mila euro?).

  4. VivaComo

    Bravissimi i tecnici del settore e il dirigente. Nella sostanza hanno dimostrando con i fatti che senza spendere denaro pubblico e con risorse intere si risolvono problemi. Queste sono le cose belle perché l’ Amministrazione ha tecnici valide e che credono in queste sfide. Certo la prudenza è d obbligo ma mi complimento perché in silenzio hanno chiuso una questione annosa. Plauso a Galli ma molto lo si deve a Magatti ex assessore che ha creduto nel fare approfondire passaggi importanti. Ecco questa la.Como che vorrei dove se una cosa buona è iniziata da una Giunta la si chiude a prescindere dai colori politici!!! Bravi tecnici e auspico vi premino per quanto fatto e farete Forza avanti con coraggio io tifo sempre Viva Como! Como ha bisogno di ottimismo e coraggio

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata