Attualità

Tra “appaltino per le sedie” e “buona volontà” il Comune salva Bande e spettacoli

Pareva veramente grottesco che non vi fosse soluzione. Il rischio che i concerti e gli spettacoli estivi (e, in primis, gli imminenti spettacoli delle bande cittadine) si svolgessero senza sedie e palchi pare essere scongiurato. Nei giorni scorsi sono emerse due notizie. La prima: le 400 (e non 800 come era stato riferito in un primo momento) sedie comunali erano bloccate in magazzino poiché non a norma. La seconda: le sedie anche se poi certificate (cioè ora regolari) sempre in magazzino sono rimaste perché il personale addetto al trasporto, mesi fa, è stato trasferito al settore Cimiteri.

L’estate musicale comasca: 800 sedie fuori norma, addetti spostati dai palchi ai cimiteri

Il primo problema è stato risolto abbastanza in fretta, una nuova certificazione ha reso le sedute nuovamente fruibili. Il secondo, viceversa, è un tema reale complessivo legato alla questione (complicata) del personale di Palazzo Cernezzi, quindi difficilmente risolvibile in tempi brevi. Così un paio di giorni fa è emersa la rabbia dei direttori delle Bande:

Niente sedie per le Bande, si rischia lo ‘sciopero’ dei concerti (anche il 2 giugno)

Niente sedie per le bande musicali, ira di Lissi sulla giunta: “Risolva subito il problema”

Parlare di sedie e palchi può anche far sorridere ma si tratta di un tema reale che rischia di boicottare l’intera stagione estiva degli spettacoli (nei prossimi giorni, entro i primi di giugno, peraltro l’amministrazione dovrebbe svelare il segretissimo calendario). Stamane il Comune ha fatto depositare le sedie in piazza Duomo in vista del concerto delle bande il 26 maggio. “Gli addetti cimiteriali non sono sempre impegnati – spiegano dall’amminsitrazione – quindi in alcune occasioni possono occuparsi del trasporto e della logistica” evidentemente una disponibilità spot non è sufficiente.

“Fino alla fine di giugno contiamo sulla buona volontà dei dipendenti – evidenziano ancora da Palazzo – nel frattempo studiamo un appaltino per la logistica di concerti e eventi”. Ogni anno in vista del cartellone estivo il l’amministrazione pubblica un bando artistico (per esempio per il service audio), per questa stagione ne varerà un secondo tecnico in modo da garantire allestimento e facchinaggio. Di base il documento chiederà la copertura di 20 eventi più la possibilità di chiamate extra.

 

 

 

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata