Attualità

Trabattello, un po’ di scotch argentato et voilà: così il Comune ripara all’Asilo Sant’Elia

A novembre la prima segnalazione da parte delle maestre della rottura del meccanismo di alcune tende dell’asilo Sant’Elia, capolavoro di Giuseppe Terragni che compare su tutti i libri di architettura, mica una scuola qualsiasi. Passano i mesi, arriva la primavera, ma a marzo nulla ancora si muove, a parte il termometro che segnala 30 gradi all’interno delle aule.

E qui polemiche, richieste di spiegazioni in consiglio comunale, offerte di aiuto da parte dell’Archivio Terragni desideroso di mettere a disposizione le proprie competenze, e quelle del Politecnico di Milano (con tanto di preventivi di ditte specializzate in interventi così specifici).

Ma tutto tace, tanto da arrivare addirittura a un post infuriato di Attilio Terragni (presidente dell’Archivio e pronipote del celebre architetto) che invita a tempestare di mail l’assessore ai Lavori Pubblici Vincenzo Bella per sollecitare l’intervento.

Ph: Congregalli

Ma ancora nulla, complice forse anche un improvviso ritorno a temperature autunnali.

E allora ci si immagina che i tecnici del Comune stiano ragionando sulle modalità migliori per intervenire su cotanto monumento con un restauro filologico, una cosa fatta bene, insomma. Qualcosa che non solo risolva, nell’immediato, il problema del calore all’interno delle aule ma che rispetti il valore (enorme) di questo edificio.

E poi un giorno arriva una macchina e ne scendono due operai. Un trabattello, un po’ di scotch argentato et voilà, la tenda strappata della cucina è sistemata. Alla bell’e meglio, come non sistemereste neanche la tenda da campeggio di Decathlon da 19.99 euro.

Come se questa fosse una scuola (maltrattata) qualsiasi e non un monumento di importanza mondiale. La classica situazione in cui viene da dire che meglio di niente, forse è meglio niente.
E il meccanismo rotto delle tende a vela? Smontato e portato via nella speranza che non passi un’eternità prima di rivederlo funzionante.

  1. Andreab

    È già tanto se sono usciti gli operai comunali…

  2. Gigi P

    Poi però hanno i soldi per abbattere mezzo Palazzo Cernezzi e ricostruirlo da zero in Ticosa…

  3. La scarsa cura delle opere d’arte, è l’Asilo Sant’Elia lo è, era una delle caratteristiche negative che si attribuivano qualche anno fa alle Amministrazioni del Sud Italia: splendide opere lasciate in rovina dal lassismo dei dipendenti e dagli interessi di politicanti furbi.
    Oggi queste cose capitano anche e soprattutto qui.
    Nonostante i proclami, gli slogan pubblicitari, gli altisonanti “me ne frego” alle critiche e nonostante la pseudocultura del fare….non si fa nulla.
    E dire che il “buon” Sindaco contrapponeva i mega progetti di Officina Zero alla sua semplice ma efficace manutenzione ordinaria del patrimonio pubblico (intervista a ETV)….non c’è che dire! Complimenti per i risultati!

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata