Attualità

Tremezzina, migrante aggredito a bastonate. La coop Simploké: “A questo porta certa politica”

Una scena degna – anzi, indegna – del Ku klux Klan: un migrante, impiegato regolaramente in un hotel di Tremezzina, aggredito a colpi di bastone dagli occupanti di un’auto in corsa, poi dileguatasi. A raccontare la vergognosa vicenda tramite uno scritto pubblicato sul sito ufficiale, è Stefano Sosio, presidente della cooperativa sociale comasca Simploké (nata su mandato della Caritas), in una delle cui strutture l’uomo è ospite.

Sul fatto, per risalire ai responsabili, indagano i carabinieri. Pubblichiamo di seguito il resoconto di Simploké.

Esprimo a nome della cooperativa una grande solidarietà per il signor M. G., ospite di una delle strutture che gestiamo. La sera di lunedì 23, mentre in bicicletta tornava verso casa dopo il consueto turno lavorativo presso un Hotel della Tremezzina, è stato colpito alla testa, probabilmente con un bastone o un oggetto simile, dagli occupanti di una macchina che, sopraggiungendo, ha rallentato per poi proseguire la sua corsa.

Il colpo gli ha provocato una lacerazione. G., accortosi di perdere molto sangue, ha deciso di tornare sul luogo di lavoro dove il personale dell’Hotel lo ha prontamente soccorso e supportato. Portato al pronto soccorso con diagnosi di trauma cranico, G. è rimasto in ospedale fino a ieri, 26 settembre. All’uscita è stato accompagnato dai carabinieri della locale stazione, dove ha sporto querela per lesioni personali.

Non è la prima volta che uno o una dei nostri ospiti subisce minacce, insulti e altri episodi aggressivi, specialmente dopo che una certa politica ha nei fatti sdoganato come legittimi certi comportamenti.

Siamo profondamente contrariati dal fatto che una persona come G., possa subire una tale violenza. Ingiustificata e grave, come sarebbe del resto nei confronti di chiunque. Ma tanto più grave perché controbilanciata, nella cronaca quotidiana, da una maniacale ricerca del colpevole migrante.

Ora che la vittima è un migrante, ci aspettiamo che la cronaca dia spazio al racconto di vicende come questa, che contribuiscono ad accreditare l’altra faccia della medaglia. Ecco qui in cosa si concretizza la difesa dei confini che certi propugnano, per mezzo dell’opera di qualche persona facile all’aggressione e altamente irresponsabile. Di fatto, è un reato i cui responsabili restano ignoti.

Ringraziamo invece infinitamente il personale e i titolari dell’Hotel, che si sono subito adoperati per soccorrere G. e lo hanno seguito anche nelle successive fasi della vicenda. Questi sono gesti che certamente controbilanciano, se così si può dire, con il loro portato di giustizia e solidarietà, l’esecrabile comportamento degli aggressori.

Grazie infine alla nostra educatrice, che ha seguito la vicenda con attenzione e vicinanza e ai compagni di casa, che sono stati disponibili per aiuto e accompagnamenti!

Auguriamo a G. che possa ritornare presto al lavoro dopo una pronta ripresa!

  1. Roberta

    La più sincera solidarietà a G. e a tutte le vittime del razzismo nostrano.

  2. Roberto

    Ha ragione. Questo è il risultato di una politica di ingressi indiscriminati che ha portato i cittadini all’esasperazione e favorito lo sfogarsi di una minoranza di idioti nei confronti degli immigrati incolpevoli.

  3. Sconcertante soprattutto perché è un’aggressione assolutamente gratuita.
    Non è solo sconcertante per l’aggressione, si presume, perpetrata da tre “baluba disadattati”. Ne girano tanti esaltati dalle cretinate che spara il “capitano”. E’ soprattutto sconcertante per gli “acuti” ragionamenti politici dei “baluba intellettuali” che giustificano l’episodio in quanto frutto dell’esasperazione scaturita dalla vista di un “lavoratore di un albergo che torna a casa in bicicletta”. Francamente che non sia italiano, è assolutamente irrilevante: lavoratore regolare che rientra a casa dal lavoro….come me, come tanti….straniero? È importante?

  4. Alessandra

    Non esiste giustificazione per un caso di violenza xenofoba come questo. Serve una forte condanna da parte delle istituzioni che siano da esempio per tutt@. Grazie alla cooperativa Simploké le sue parole e il suo lavoro quptidiano sono importanti, ma purtroppo credo serva anche altro.

  5. Giancarla Angelina

    Sono assolutamente d’accordo con Gioele. Tutta la mia solidarietà a G.
    Giancarla

  6. Matteo

    Roberto, smettiamo di dire assurdità. Da cosa sarebbe esasperata la gente di Tremezzina (nel caso di specie) dove i migranti sono un’esigua minoranza e pure ben integrati? La responsabilità di certa politica che ha costruito la falsa narrazione dell’invasione è grave, ma non sottovaluterei il germe del razzismo che percorre la nostra società. Se fosse vera la tesi dell’esasperazione ogni giorno la “gente di Tremezzina” dovrebbe prendere a bastonate gli autisti di TIR e Pullman turistici che affollano la Regina. Mi pare che ciò non avvenga.

  7. Non ci sono parole che possano definire un attacco del genere..se non Vergogna..e comunque
    Solidarietà piena e affetto da parte delle insegnanti del Cpia Menaggio

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata