Attualità

Un colossale equivoco, la rabbia e l’orgoglio del Rugby Como: “Noi, il Centro Belvedere, il Comune. La verità”

Un colossale equivoco porta anche la notizia. Il colossale equivoco con il Rugby Como nasce da questa frase usata nel reportage dei giorni scorsi: “Se il Centro Sportivo Belvedere, infatti, oggi non è altro che degrado e macerie, lo si deve quasi soltanto al Rugby Como che con la palla ovale ha ridato linfa al grande rettangolo verde di via Longoni. Sabbia e ghiaia hanno sostituito i fili d’erba del campetto a 7 giocatori subito dietro, ma dove inizia lo scempio è a lato e alle spalle delle due porte da calcio”.

Il senso della frase era (o almeno avrebbe voluto essere) un elogio pubblico alla meritoria attività di società e giocatori della palla ovale (come testimonia il successivo “hanno ridato linfa al grande rettangolo verde di via Longoni”), ma la parte iniziale del periodo ha suscitato un vespaio (“Se il centro Belvedere oggi non è altro che degrado e macerie lo si deve soltanto al Rugby Como”).

Quest’ultimo passaggio è stato inteso da dirigenti e atleti come un attacco verso di loro, mentre il senso voluto era esattamente l’opposto. E cioè esprimere un concetto del tutto identico a “è soltanto grazie al Rugby Como che l’intero centro di via Belvedere non è ridotto a macerie e degrado”. Frase forse scrivibile in modo migliore, forse interpretabile in modi differenti, ma tant’è: ora, sulla base di quelle righe, è proprio il Rugby Como a prendere direttamente la parola e a dire la sua. Pubblichiamo di seguito integralmente la nota della società.

Dopo aver preso visione dell’articolo apparso sulla vostra testata dal titolo “Orrido al Belvedere, furono il vanto di Como, ora tennis e pista di pattinaggio vanno a pezzi” a firma di Emanuele Caso, intendiamo precisare quanto segue.

Il Rugby Como ASD ha cominciato a gestire il Centro Sportivo Belvedere nel mese di settembre 2012. Al nostro arrivo, dopo anni di gestione da parte di altra società sportiva, la situazione era ben peggiore di quella attuale (abbiamo ampia documentazione fotografica in proposito).

Abbiamo da subito chiesto al Comune una convenzione almeno quindicennale, che ci consentisse di accedere agli strumenti di finanziamento del Credito Sportivo senza i quali è semplicemente impensabile per una qualsiasi associazione sportiva mettere mano agli ingenti costi di ristrutturazione del centro, ma non ci sono mai state date convenzioni che non superassero i tre anni di durata.

La situazione della pista di pattinaggio e dei campi da tennis (che attualmente non sono in convenzione e dei quali quindi si deve fare carico direttamente l’amministrazione comunale) è il frutto di una pluridecennale incuria nella quale queste strutture sono state lasciate e che sono in quelle condizioni da epoca ben precedente la nostra gestione.

Quello che viene definito “campo a 7” e sul quale secondo il giornalista “sabbia e ghiaia” avrebbero sostituito i “fili d’erba” in realtà è sempre stato un campo a 9 in calcestre, come tale omologato presso la FIGC.

Dal nostro arrivo al Centro Belvedere abbiamo provveduto a svolgere regolare manutenzione degli ampi spazi verdi che lo compongono, imbiancatura e manutenzione di tutti gli spogliatoi, dei bagni a servizio del pubblico (quelli posti nella parte inferiore non trovano attualmente alcun uso), ma soprattutto abbiamo sempre, regolarmente e puntualmente corrisposto all’amministrazione comunale quanto dovuto a titolo di consumi e corrispettivi senza accumulare nemmeno un centesimo di debito verso le casse pubbliche. Caso, ci sia consentito rimarcarlo con orgoglio, non comune nel panorama delle gestioni delle strutture sportive.

Attualmente, la pista di pattinaggio, che da alcuni decenni – e quindi da ben prima dell’inizio della nostra gestione – versa in stato di degrado, è data in uso a una società sportiva di ciclismo fuoristrada, non essendovi peraltro società rotellistiche comasche interessate a farne uso.

In precedenza, abbiamo provato anche a coinvolgere altre società sportive in progetti di cogestione dei campi da tennis, tuttavia senza esito positivo: i campi sono da rifare in quanto, da ben prima che subentrassimo nella gestione del centro sportivo, il fondo si presentava completamente sconnesso e da rifare totalmente e i costi di rifacimento sono veramente molto alti.

In questo panorama sconfortante, ci è dispiaciuto leggere che “se il Centro Sportivo Belvedere, infatti, oggi non è altro che degrado e macerie, lo si deve quasi soltanto al Rugby Como”, visto che lo stesso proviene da decenni pregressi di incuria e degrado e che la nostra buona gestione negli ultimi sette anni ci è stata testimoniata dalle amministrazioni comunali che si sono in questo periodo succedute e dalle società sportive che abbiamo ospitato nella struttura da noi gestita.

Il presidente

Michele Cerbo

  1. Luigi

    Articolo chiarissimo ab origine. Servirebbe leggere con più attenzione e meno ansia di rivalsa… forse. Saluti!

  2. Luca

    Perché semplicemente non si ammette di aver sbagliato a scrivere e si chiede semplicemente scusa?
    Altro che arrampicarsi sulla frase scrivibile… in modo migliore !!!
    Siete voi i giornalisti, o cribbio….

    • Emanuele Caso

      Perché non ho nulla da nascondere ed è andata esattamente così. Ma se si vuole vedere malafede e complotti ovunque, va bene.

  3. giorgio

    “Se il Centro Sportivo Belvedere, infatti, oggi non è altro che degrado e macerie”

    “Se non è altro che degrado” significa che appunto è solo quello: frase nata male e con “altro che” di troppo.

  4. Carlo

    Concordo con Luigi: il senso dell’articolo era chiarissimo. La tirata tribunizia del RC è francamente una menata infinita.

  5. Ho letto l’articolo originale. Quel “non” francamente mi era sfuggito. Era chiaro l’intento di chi ha scritto l’articolo di dare merito alla società sportiva. Rileggendolo si nota la contraddizione nella frase incriminata ma mi sembra proprio un peccato veniale. Credo che sia opportuno che tutti difendano il proprio e l’altrui “diritto all’errore”. Il giorno che si perderà anche quello vivremo tutti molto peggio.😊

  6. Comino

    Eh, niente, per fare pace Caso sarà invitato a partecipare ad una partita di rugby! Ad ogni modo, l’errore nella prima frase l’ho letto anch’io, l’intento era comunque chiaro e la società ha avuto modo di dire pubblicamente la sua, pacatamente, esponendo la completa e reale situazione della quale non si era al corrente. Direi win-win, se non fosse che, come al solito, la città ha di fatto perso parte di un impianto importante….

  7. Max

    Che dire, io c ero all inizio e ci sono tutt ora, abbiamo preso possesso del Belvedere che era uno schifo totale e ora non brillerà certo di bellezza , ma è frutto del lavoro di tante persone che si sono fatte un culo grande come una casa, di persone che si sono tirate su le maniche e ci hanno messo il loro tempo senza chiedere nulla in cambio, semplicemente perché credevano e credono nel progetto del RC. Si fa presto a criticare senza sapere come sono realmente le cose , basta allargare un po’ la visione sulle strutture dello sport Comasco per capire meglio (piscine, campo coni, palazzo sport di Muggiò, stadio ghiaccio….) La colpa non può sempre essere dei gestori…

Rispondi a Gioele Annulla risposta

la tua mail non sarà pubblicata