Attualità

Una panchina rossa contro la violenza. Comune, Insubria e Cgil paladini dei diritti delle donne

Negli scorsi minuti, davanti a Palazzo Cernezzi, è stata svelata una panchina dipinta di rosso in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Presenti il Sindaco di Como, Mario Landriscina, gli assessori Elena Negretti, Alessandra Bonduri, Angela Corengia, il presidente del Consiglio Comunale, Anna Veronelli, i consiglieri Elena Canova, Ada Mantovani e Bruno Magatti, oltre all’ex assessore, vicesindaco e Ministro alla Disabilità e alla Famiglia, Alessandra Locatelli.

“La prevenzione della violenza sulle donne va sviluppata a ogni livello, specialmente nelle famiglia che non dovrebbe essere un luogo di violenza ma di dolcezza e affetto” ha detto Landriscina dopo aver svelato la panchina.

L’iniziativa è stata supportata dall’amministrazione comunale in collaborazione con Soroptimist International d’Italia Club Como.

L’inaugurazione è stata preceduta da una breve performance degli studenti del Liceo Musicale Coreutico Giuditta Pasta di Como in memoria delle donne vittime di abusi domestici.

Anche gli studenti dell’Università dell’Insubria, questa mattina, hanno dipinto di rosso una panchina al Chiostro di Sant’Abbondio (oltre a quella del Campus di Bizzozero, a Varese)

Il rettore Angelo Tagliabue ha dichia«soddisfatto per la sensibilità dimostrata dalle diverse componenti dell’ateneo e per il lavoro di squadra finalizzato al superamento degli stereotipi di genere, uno dei fattori principali che generano i fenomeni di violenza sulle donne”.

Anche la CGIL di Como ha svelato una panchina rossa in piazza Vittoria a Como con lo slogan “E’ ora che la violenza perda il posto”.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata