Attualità

Via Perti, un incredibile Bella fa a pezzi i dubbi di Corengia: “Nessuna base per chiudere la scuola”

“Non c’erano le basi per chiudere la scuola di via Perti, settimana scorsa” ha ammesso l’assessore ai Lavori pubblici, Vincenzo Bella, rispondendo alle domande dei consiglieri comunali circa la potenziale chiusura dell’istituto scolastico del centro storico, suggerita dall’assessore ai Servizi Scolastici, Angela Corengia, la settimana scorsa in un’intervista a ComoZero.


L’affermazione è stata fatta questa sera, durante la seduta congiunta delle Commissioni II e III in Comune, e conferma quanto annunciato questo sabato dal Sindaco di Como, Mario Landriscina, durante un incontro con Corengia e i genitori degli alunni dell’istituto.

La dichiarazione di Bella, segue di fatto le parole che l’assessore Corengia ha utilizzato per aprire la seduta e tranquillizzare genitori e consiglieri comunali: “Il Sindaco si è assunto la responsabilità di tenera aperta la scuola di via Perti. Il che non è in contrasto con le linee programmatiche di questa amministrazione. La scuola rimane aperta. Non chiude”. 

Bella ha poi presentato il piano diagnostico con cui il comune ha mappato le condizioni degli istituti dell’area del Comune di Como e programmato relativi piani di manutenzione e intervento.

“C’è un piano che stiamo seguendo – ha detto Bella, rassicurando i consiglieri e i genitori presenti circa le opere di contenimento del degrado strutturale delle scuole comasche – abbiamo lavorato a una programmazione degli interventi su base di priorità, in modo da risolvere gli aspetti più urgenti dei singoli istituti e per cui poter ottenere le necessarie certificazioni”. 

Bella ha fornito le specifiche dei bilanci passati e futuri, fornendo un quadro dei fondi stanziati per la manutenzione delle scuole di Como.

“Circa 800mila euro sono stati spesi nel 2018. E 1,7 milioni sono stati stanziati nel 2018, con ultimazione dei lavori nel 2019. Per il 2019 abbiamo stanziato circa 3,3 milioni di euro tra adeguamenti ATS, la prevenzione incendi e altri interventi di adeguamento strutturale. Per gli anni 2020 e 2021 – ha poi indicato Bella – i fondi stanziati ammontano rispettivamente a 2,3 e 3,3 milioni”. 

Lo stato del patrimonio dell’edilizia scolastica a Como

“Lo stato di fatto del patrimonio scolastico di Como è a livello emergenziale. La manutenzione delle struttura è costante e continua ad aumentare. Gli interventi di manutenzione sono legati alle necessità di un patrimonio datato su cui non è possibile intervenire facilmente perchè spesso interessati da un vincolo imposto dalla sovrintendenza – ha spiegato Andrea Pozzi, direttore del settore Opere Pubbliche – il punto è procedere a un censimento delle condizioni di tutte e 48 le scuole sul territorio del Comune per programmare gli interventi ed evitare che la manutenzione ordinaria diventi troppo pesante. Con le scuole chiuse, inoltre, questo processo sarà tre volte più veloce”.

Alcune reazioni dei consiglieri comunali

Molti dei consiglieri presenti si sono dimostrati scettici davanti alle spiegazioni fornite da Corengia e Bella.

Patrizia Maesani (Gruppo Misto) si è detta stupita del cambio di direzione dell’amministrazione, decisa a chiudere la scuola appena martedì scorso, per poi tornare sui propri passi pochi giorni dopo. “Sembrano due film diversi, se messi a confronto. A settembre siamo in grado di far rientrare i ragazzi?” 

Fulvio Anzaldo (Rapinese Sindaco) si è detto sollevato per il dietrofront (o non dietrofront) dell’amministrazione: “Ho apprezzato quanto detto stasera. Ma non capisco perché non è stato detto prima? Si è generata confusione e allarme ma quanto detto oggi sembra scongiurare la chiusura della scuola. Nel momento di una razionalizzazione futura degli edifici scolastici, però, facciamolo bene e facciamolo insieme tenendo a mente le peculiarità di ogni istituto”.

Paolo Martinelli (Rapinese Sindaco) si è allineato con Maesani, dicendosi stupito per il cambio di decisione in poco meno di una settimana per quanto riguarda la scuola di via Perti: “In sei giorni, da martedì a oggi, è sembrato di vedere due film completamente diversi. Uno bianco e uno nero.”

 

  1. C’è solo un’alternativa; l’Assessore Corengia ha parlato ai genitori senza sapere nulla delle manutenzioni previste per via Perti o l’Assessore Bella ha modificato il piano degli interventi in funzione delle nuove emergenze. Una cosa è certa; il duo Bella-Corengia non è stato brillante come al solito.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata