Attualità

Viale Varese, guerra totale. Controraccolta firme di Confesercenti: “Sì a Nessi&Majocchi”

E’ davvero uno scontro epocale quello che sta dividendo la città sulle ipotesi di un nuovo parcheggio in viale Varese.

E ora, dopo la raccolta firme del fronte contrario al progetto depositato in Comune dall’impresa Nessi&Majocchi, Confesercenti – da sempre schieratissima a favore dell’iniziativa assieme ad altre associazioni di categoria (qui il documento congiunto) – avvia una controraccolta firme a favore del progetto di riqualificazione dell’area di viale Varese a Como con l’incremento di 85 posti auto e la valorizzazione delle mura e dell’area verde di 6.900 metri quadrati.

“Tutti i cittadini potranno firmare al gazebo che verrà allestito martedì 10 Luglio dalle 9.30 alle 12.30 a Porte Torre, dove sarà possibile prendere visione del progetto preliminare e dei suoi aspetti di rilevanza pubblici – si legge nella nota ufficiale – Il progetto della Nessi&Majocchi viene realizzato a spese dell’impresa, che si fa carico anche dei costi di manutenzione del verde e del parcheggio”.

“Il Comune di Como – prosegue Confesercenti – incasserebbe 450.000 euro l’anno e la cittadinanza ne guadagnerebbe i posti auto regolati da sbarra d’accesso e la nuova area verde e la passeggiata sotto le mura. Confesercenti sostiene convintamente il progetto”.

Il gazebo a Porta Torre per la raccolta firme verrà replicato giovedì 12 Luglio dalle 9.30 alle 12.30 e sabato 14 Luglio dalle 9.30 alle 17.00.

  1. fausto tagliabue

    Già che ci siamo perché non tornare a parcheggiare in Pazza Duomo e Cavour ?

  2. susy rossini

    Siete proprio degli incoscienti !!!!!!!M a vi ren dete conto dei danni provocati alla salute da tutto queto flusso di auto ? Se non vi interessa niente della vostra salute,pensate a quella degli altri !!!!!!!

  3. Carlo B

    “Il Comune di Como – prosegue Confesercenti – incasserebbe 450.000 euro l’anno e la cittadinanza ne guadagnerebbe i posti auto …..”

    FALSO che il comune incasserebbe 450.000€, visto che in quella cifra c’è anche l’IVA

    OMESSO che attualmente il Comune già incassa circa 600.000€ (Con l’utente che paga la sosta 1€ la prima ora e non paga dalle 20 alle 8)

  4. Gigi

    Ma davvero Confesercenti e tutta la categoria commercianti crede di poter risolvere la “crisi” con 85 posti auto in più? Se (ed è solo un esempio) lo stesso paio di occhiali da sole in negozio costano 150 euro e on line 90 euro perché dovrei comprarli in negozio? Perché posso posteggiare vicino, con tariffe da via Montenapoleone?

  5. giorgio

    Devono aver dimenticato una parte, che sbadati:
    “Il Comune incasserebbe 450mila euro l’anno invece che 600mila”.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata