Attualità

Vigili, auto ferme per mancata manutenzione. Sfottò (con Dylan Dog) del sindacato

Una polemica durissima ma vestita con uno dei più celebri personaggi dei fumetti: Dylan Dog. Il Diccap-Sulpm, sindacato guidato da Sergio Bazzea e presente nella polizia locale di Como, usa la copertina di un vecchio numero del fumetto intitolato emblematicamente “La rivolta della macchine” per andare all’attacco sul clamoroso caso delle ultime ore.

Come riporta Quicomo.it, infatti, numerosi mezzi dei vigili della città, tra cui ben 5 Giuliette sarebbero ferme ai box per mancata manutenzione ordinaria. E tolte dalla strada sarebbero anche alcune Subaru e Panda con le insegne della polizia locale, inclusa quella della Protezione Civile. Da qui, dunque, il beffardo parallelo a cui è ricorso il Suplm.

“Se per caso negli ultimi mesi vi è capiutato di vedere in giro molti agenti della polizia locale in bicicletta, con qualche moto (se ce ne sono ancora funzionanti) o con gli scooter, non è detto che sia per una scelta operativa ecologica o oltremodo ponderata – scrive il sindacato sul volantino con Dylan Dog – Ma pià probabilmente dettata dal fatto che non ci sono più macchine!”.

“Delle 6 Giulietta arrivate a novembre dello scorso anno – prosegue il volantino – ben 5 risulterebbero ferme a causa della mancata manutenzione ordinaria, senza contare le due Subaru e una Punto senza revisione e le Panda non funzionanti compresa quella della Protezione Civile”.
“Alla polizia locale di Como anche i mezzi si sono “rotti” e come il personale hanno perso entusiasmo e voglia di fare. Sarà sfortuna? – prosegue il documento del Diccap Sulpm- Sarà colpa della coincidenza astrale dei 5 pianeti in questi giorni visibili a occhio nudo? O qualcuno oltre a gestire il personale in maniera molto discutibile sta avendo problemi anche con gli automezzi?”.

Ultimo affondo anche su un fronte diverso, quello tecnologico: “Per non parlare dell’ultimo richiamo in merito alle foto da allegare ai verbali. Peccato che era già stato segnalato che i tablet vanno in crash quando si tenta di scattare la foto ai veicoli in sosta vietata. Forse si stanno ribellano anche loro!”.

  1. Carlo B

    L’ennesima perla di un settore dove il dirigente é Donatello Ghezzo!
    E pensare che un corpo dei vigili efficiente, presente assiduamente sul territorio, porterebbe molti soldi attraverso le multe, e sopratutto maggior rispetto delle regole da parte dei tutt’ora troppi indisciplinati trasgressori

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata