Attualità

Villa Olmo, Mantovani: “Salvate le panchine rotonde”. Galli: “Già fatto, andranno alle serre”

Il tema, fuori e dentro il Social, in effetti ha animato non poco il dibattito negli ultimi mesi. Nell’ampio intervento di restyling del parterre di Villa Olmo, l’addio alle storiche panchine tonde che abbracciavano gli alberi ha indispettito più di un comasco. Se da un lato l’ex assessore Daniela Gerosa aveva spiegato come le sedute rischiassero di uccidere le piante, dall’altro il consigliere comunale Ada Mantovani questa sera in consiglio comunale ha sostenuto esattamente il contrario.

Villa Olmo, Gerosa: “Le panchine tonde? Uccidevano le piante. Ecco quali arrivano”

“Sebbene dalle dichiarazioni rese nei giorni scorsi alla stampa sembra proprio che questa Amministrazione non intenda riposizionare le panchine circolari attorno alle essenze arboree dei parterre fronte lago, mi preme fare una riflessione – ha detto la consigliera – perché se amministrare significa spesso anche incappare in questioni tecnico giuridiche o di natura economica che possono rendere complessa o addirittura ostacolare l’azione amministrativa, ci sono invece anche delle azioni amministrative, semplici, che non comportano per l’Ente alcun sacrificio o costo che possa paralizzare quelle azioni, ma che hanno come unica finalità quella, come dire, di interpretare e “esaudire” un desiderio comune, un sentire collettivo. Null’altro”.

Così Mantovani ha presentato una mozione specifica sulla questione panchine che, dice, “ricordo ci sono ancora e sono solo da riposizionare”. “Pensando – ha aggiunto – a quanto quelle sedute abbiano rappresentato in passato un luogo ideale dove sostare. Soprattutto per chi ha difficoltà a camminare o a raggiungere la parte retrostante in salita del parco”.

Ada Mantovani

Quindi la stroncatura degli argomenti dell’ex assessore Gerosa. “Il fatto che le panchine circolari non siano previste nel progetto non è certamente ostativo al loro riposizionamento, i prati saranno calpestabili. Quanto all’ancoraggio e al paventato dubbio che possa mettere a repentaglio la salubrità degli alberi, ho chiesto informazioni a uno dei massimi esperti del verde in città il quale mi hanno chiarito che non esiste alcun problema“.

Secondo il parere dell’esperto, racconta Mantovani “le sedute circolari sono divise in due tronconi che vengono collegati per essere posizionati attorno al fusto della pianta. Pertanto una volta uniti e appoggiati a terra sono già sufficientemente stabili senza bisogno di ancoraggio a una base: al più si potrebbero ulteriormente bloccare con chiodi di ferro da infilare nel terreno, in profondità, prestando unicamente attenzione a non provocare delle ferite alle radici della pianta. La parte vitale delle radici sono i capillari che si trovano al limite della chioma, non in corrispondenza del tronco, le radici sotto il tronco danno stabilità alla pianta, ma non sono quelle vitali. Dunque non c’è nessun problema di ancoraggio, è solo sufficiente che se ne occupino persone esperte“.

A Mantovani ha risposto l‘assessore ai Parchi e Giardini, Marco Galli: “Le panchine circolari – ha detto – verranno rimosse e saranno collocate nella zona tra l’orto botanico e le serre. Si cercherà di privilegiare aree con un buon affaccio. Una delle motivazioni della rimozione delle panchine circolari è stata motivata dal fatto che le radici degli olmo potevano andare in sofferenza (Galli quindi conferma le parole di Gerosa, Ndr). Un’altra ragione riguarda il fatto che il prato nella zona delle panchine verrebbe continuamente calpestato e si rovinerebbe eccessivamente”

La mozione, infine, è stata bocciata. 

  1. Domenico Vandelli

    Ma quale massimo esperto fel verde, nome e cognome, sennò non è nessuno.

  2. Carlo C.

    Sarà, ma secondo me sono tanti, troppi, gli “esperti” che hanno in passato espresso opinioni e pareri, via di conseguenza quelle belle panchine circolari, che erano le uniche che godevano di ombra in estate, sono veramente curioso di vedere con il caldo quali mirabolanti soluzioni ci saranno, dove le tante persone che frequentano la villa avranno possibilità di sedersi
    Riaffrontiamo questo argomento a settembre …. curioso delle opinioni che si raccoglieranno

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata