Cronaca

“Codice rosso”, contro la violenza di genere. Lezione di Giannini e Astori per la Locale

Nell’ambito del “Protocollo d’intesa per la prevenzione ed il contrasto al fenomeno della violenza contro le donne”, siglato dal Comune di Como e da numerose istituzioni del territorio, si è tenuta questa mattina presso la Sala Stemmi di Palazzo Cernezzi la prima giornata di formazione per la polizia locale sul “Codice Rosso” approvato dal Parlamento (Legge 69 del 19 luglio 2019, recante “Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e altre disposizioni in materia di tutela delle vittime di violenza domestica e di genere”).

Hanno partecipato ufficiali e agenti delle polizie locali di Como, Cantù, Erba e Mariano Comense oltre agli operatori dei Servizi Sociali del Comune di Como.

Fra gli obiettivi della rete territoriale vi è lo sviluppo di azioni di formazione per gli operatori delle forze dell’ordine, alle quali nella maggioranza dei casi in prima battuta si rivolgono le vittime.

La presenza sul territorio delle pattuglie di pronto intervento, così come le azioni degli agenti di prossimità, rende sempre più concreta la possibilità che gli operatori di Polizia locale possano essere chiamati ad affrontare fattispecie di reato riconducibili ai maltrattamenti e alle violenze di genere. Investire nella formazione degli operatori di polizia su questo tema, che la cronaca degli ultimi giorni conferma essere drammaticamente di attualità, rappresenta una scelta strategica affinché l’attività investigativa che ne consegue possa essere sviluppata efficacemente, assicurando alla vittima una tutela a 360°.

La prima giornata di lavori ha visto come relatore il sostituto procuratore della Repubblica di Como Massimo Astori, che ha ripercorso le tappe normative che hanno condotto alle novità introdotte dalla legge 69/2019, con particolare attenzione agli aspetti procedurali, di primario interesse per la polizia giudiziaria. All’incontro, moderato dal commissario capo Aurelio Giannini, ha partecipato anche l’assessore alla Polizia locale del Comune di Como Elena Negretti che ha sottolineato la delicatezza del tema e l’importanza della formazione per quanti sono chiamati ad affrontare sul campo vicende cosi drammatiche.

Il prossimo appuntamento sarà giovedì 20 febbraio, sempre nella Sala Stemmi di Palazzo Cernezzi, per la seconda giornata formativa a cura della Questura di Como.

  1. Speriamo che gli agenti possano arrivare sempre prima che succeda il peggio, il codice rosso è una miglioria ma i pazzi che non si rassegnano alla fine delle relazioni o che sono gelosi ed accecati dalla follia troppe volte riescono nell’intento di eliminare fisicamente la persona, purtroppo.

Commenta

la tua mail non sarà pubblicata